Racconti e tradizioni per l’inclusione sociale. Il progetto R.E.T.I.

Promuovere nuove prospettive di sviluppo e contrastare fenomeni sociali disgreganti nei centri rurali della Sardegna. Questi, in breve, gli obiettivi del progetto R.E.T.I. (Racconti E Tradizioni per l’Inclusione sociale), realizzato dall’Associazione Interculturale NUR con il contributo della Fondazione di Sardegna, e in collaborazione con un parternariato nazionale e internazionale, del quale fanno parte l’Unione dei Comuni Alta Marmilla, le cooperative Sa Scrussura di Sini e Muovimente di Viterbo, il Replay Network di Roma, il Petrklíč help (Repubblica Ceca) e dal Cross Culture International (Malta).

Il progetto prevede azioni a supporto del dialogo intergenerazionale, dell’invecchiamento attivo degli anziani e a favore dell’integrazione dei cittadini di Paesi terzi, per lo più richiedenti asilo. Durante il progetto saranno implementati diversi laboratori, organizzati in modo da coinvolgere mutuamente richiedenti asilo, anziani e giovani della comunità locale e favorire, così, il rafforzamento del dialogo intergenerazionale e interculturale. In particolare verranno implementati dei laboratori di lingua italiana per la comunità migrante, di formazione sulle tecniche e produzione di video per un gruppo di giovani locali under 30 e un laboratorio che sarà animato dalla partecipazione degli anziani di Sini e creato allo scopo di conservare il patrimonio di esperienze di vita e i ricordi degli anziani residenti. 

LEGGI ANCHE:  Finanziaria. 4 milioni per le aziende suinicole sarde.

Foto Nur.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.