Spopolamento: in 10 anni persi 3 milioni di giovani. Quasi un terzo al Sud.

Nulla di nuovo accade nel “Bel Paese”. Come ricordato dall’ultimo rapporto annuale dell’Istat, infatti, dal 2002 al 2023 la diminuzione dei giovani in Italia è stata pari a 3 milioni, portando il numero totale di under35 a poco più di 10,3 milioni di giovani.

Riduzione maggiormente marcata nel Mezzogiorno, con un calo del 28,6% contro il -19,3% nel Centro-Nord, dove il fenomeno è attenuato da saldi migratori positivi e dalla maggiore fecondità dei genitori stranieri.

Spopolamento, inoltre, che continua a colpire con maggiore intensità le aree rurali (a ben poco sembrano servire gli “incentivi” contro lo spopolamento in tali aree), dove si registra una perdita di giovani del 26,9% rispetto al 19,2% rilevato nelle aree urbane.

LEGGI ANCHE:  Università e skill mismatch: per il 55% dei giovani formazione universitaria non offre competenze richieste dal mondo del lavoro.

Foto di Kaserei da Pixabay.com