Progetto Giovani, la Regione (quella ligure) sostiene la progettualità dei/delle ragazzi/e.

Si chiama “Progetto Giovani 2023” (meglio differenziarlo da quello vano promosso dal Comune di Cagliari) ed è lo strumento con cui Regione Liguria punta a realizzare sul territorio progettualità finalizzate a sostenere i ragazzi in forma singola o associata, come risorsa per la comunità nella realizzazione delle loro idee e iniziative.

Si tratta di un percorso totalmente gratuito e promosso dall’assessorato alle Politiche Giovanili che offre due iniziative: “Formiamoci! Giovani Realtà tra Formazione e Lavoro” e “Lab Liguria! Trasformare Idee in Progetti”.

“Formiamoci! Giovani, realtà tra formazione e lavoro” è un percorso formativo, partecipato, condiviso negli obiettivi, che intende promuovere e sostenerne la vocazione d’impresa dei giovani adulti (singoli o associati) e raccogliere le loro priorità formative per rinforzare le capacità progettuali, come motore ed energia di innovazione e cambiamento del territorio. Il progetto si rivolge a giovani tra i 25-35 anni, con l’obiettivo di fornire strumenti e conoscenze utili a migliorarne la capacità di progettare, formulare, pianificare e redigere proposte, reperire risorse, svilupparne potenzialità e competenze, fornire conoscenze e strumenti che possano facilitare la realizzazione delle loro idee ed iniziative, orientare una futura programmazione e creare nuove sinergie tra differenti realtà giovanili. Il percorso terminerà con la realizzazione di due moduli formativi, realizzati sulle istanze emerse dal percorso di condivisione degli obiettivi formativi.
Il progetto è finanziato nell’ambito dell’Intesa n. 77 / 2022 “Fondo per le politiche giovanili” tra il Governo e la Regione Liguria e realizzato nell’ambito del progetto “Imparare è un’esperienza, giovani tra fragilità e opportunità”, approvato con delibera di giunta n. 911/2022 per un valore complessivo di 30 mila euro.

LEGGI ANCHE:  I ministri delle politiche giovanili dell'Ue si incontrano per fare il punto sui giovani.

“Lab Liguria! Trasformare idee in progetti”, invece, offre la possibilità ai giovani di sperimentarsi in ambito progettuale per mettere a frutto le competenze acquisite. Giovani adulti (tra i 20 e i 35 anni) singoli o associati potranno presentare proposte progettuali ed essere accompagnati nella loro ideazione e redazione, con la possibilità di vedere finanziate tre iniziative di utilità sociale (laboratori, spazi di parola, incontri, performance, piccoli eventi, attività artistico musicali, culturali o creative, innovazione, narrazioni social) su uno o più dei seguenti ambiti: giovani e partecipazione civica, giovani e musica, cultura, arte, creatività, giovani ed educazione attraverso i social media, giovani e comunità. “Lab Liguria! Trasformare idee in progetti” è finanziato su fondi regionali e approvato con delibera di giunta n. 732/2023 per un valore complessivo di 30 mila euro.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili, De Maio: "Puntare sull’educazione non formale per giovani con minori opportunità".

“I giovani sono una risorsa per la comunità: sanno ideare, innovare, progettare e mettere in campo nuove idee e progetti e che possono essere possibili agenti di sviluppo economico, di cambiamento sociale e di innovazione – sottolinea Simona Ferro, assessora regionale alle Politiche Giovanili -. Noi vogliamo supportare la loro progettualità anche attraverso lo sviluppo di forme di aggregazione, scambio e confronto non solo tra loro, ma anche con esperti e pure con le istituzioni. I corsi sono gratuiti per sostenerne la vocazione d’impresa, l’autodeterminazione e la progettualità dei ragazzi. Si parte sempre dall’ascolto dei ragazzi per arrivare a moduli formativi che siano espressione dei loro reali interessi. Sosteniamo il valore di impresa e di autodeterminazione”.

LEGGI ANCHE:  Laore, Giunta regionale. Autorizzato l'esercizio provvisorio.