Erasmus+: l’evento finale del 35° anniversario.

Si è svolto a Bruxelles l’evento finale per celebrare il 35° anniversario del programma Erasmus+. Dalla sua creazione nel 1987, Erasmus+ ha offerto opportunità di studio, formazione, lavoro e volontariato all’estero a quasi 13 milioni di persone.

L’evento di oggi, ricordano dalla Commissione UE, rappresenta l’occasione per ascoltare in prima persona le esperienze dei partecipanti, condividere le proprie impressioni e confrontarsi sulla storia e il futuro del programma. Saranno presenti il ​​vicepresidente per lo stile di vita europeo, Margaritis Schinas e il commissario per l’istruzione, la cultura, la gioventù e lo sport, Mariya Gabriel , nonché la presidente della commissione per la cultura del Parlamento europeo, Sabine Verheyen e il rappresentante ceco per l’istruzione, la gioventù e lo sport Ministro, Vladimír Balaš.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili e buone pratiche: Ancona invita alla "co-programmazione".

I fondatori del programma, i beneficiari e i membri del personale che lavorano a livello nazionale o europeo su Erasmus+ parteciperanno a diverse sessioni e workshop dedicati alle priorità di Erasmus+, alle buone pratiche e alla storia del programma, tra gli altri argomenti. L’evento si chiuderà con una mostra fotografica realizzata dai giovani beneficiari del titolo di viaggio DiscoverEU e una performance artistica.

L’evento di oggi è anche l’occasione per presentare la relazione annuale Erasmus+ 2021, fornendo approfondimenti sull’impatto delle azioni introdotte. Il rapporto mostra che solo nel 2021 Erasmus+ ha sostenuto quasi 19 000 progetti, con la partecipazione di oltre 70 000 organizzazioni, offrendo opportunità a più di 648 000 studenti, personale e giovani, comprese almeno 65 000 persone con minori opportunità di svolgere un’attività di mobilità.

LEGGI ANCHE:  Altri 250 milioni di armi per l'Ucraina. Sì dalla 'democratica' Amministrazione Biden.

foto TDM2000, riproduzione riservata