International Summer Week: il mondo riunito in Sardegna.

Da vent’anni ogni estate l’associazione TDM 2000 organizza l’International Summer Week, una settimana dedicata allo scambio interculturale tra ragazzi provenienti da tutto il mondo. Lo scopo dell’evento è promuovere la bellezza e le tradizioni della Sardegna nel contesto di un meeting interculturale. Attualmente l’International Summer Week è il più grande festival interculturale del Mediterraneo e ogni anno partecipano circa 200 giovani provenienti da tutto il mondo.

L’edizione 2019 della Summer Week si terrà dal 3 al 10 Agosto con il contributo del Comune di Cagliari e della Fondazione di Sardegna. Come da tradizione sarà una settima dedicata alla scoperta di alcune delle località più caratteristiche dell’Isola. Nel sito e nella pagina Facebook è già presente l’agenda con le diverse mete e gli eventi in programma. Tra le tante attività ci sarà una caccia al tesoro nel centro storico di Cagliari, un’escursione alla Sella del Diavolo, pranzi e cene tradizionali, e anche un’escursione in barca nella zona di Villasiumius.

L’International Summer Week ha uno spirito speciale. È un punto d’incontro tra persone di nazionalità diversa, con una mentalità aperta, che vogliono confrontarsi e passare dei bei momenti assieme.” Marie-Camille dalla Francia.

L’international Summer Week è l’unione di tutto il mondo in una sola isola, la Sardegna. È fantastico!” Alessio dall’Italia.

Ogni giorno abbiamo nuove attività e nuovi posti da visitare. L’International Summer Week è super!” Vahagn dall’Armenia.

LEGGI ANCHE:  Stranieri in Italia, Osservatorio Inps: 3.304.583 sono lavoratori attivi.

Sono molto felice di tornare ogni anno in Sardegna per la Summer Week! È semplicemente fantastico!” Hirotaro dal Giappone.

Settimana straordinaria, che non riguarda solo l’esplorazione delle spiagge, del cibo, della cultura e della storia della Sardegna, ma anche l’incontro con persone provenienti da tutto il mondo con le quali si instaurano nuove amicizie. Non vedo l’ora di tornarci l’anno prossimo!” Maria Stoyanova dalla Bulgaria.

Questi sono solo alcuni dei commenti positivi dei partecipanti delle scorse edizioni dell’International Summer Week. 

Uno dei fattori che da più valore alla Summer Week è rappresentato proprio da chi l’organizza. Questa non è la classica vacanza gestita da un’agenzia di viaggi, ma è un evento organizzato con passione da persone che vogliono lasciare una buona impressione, dimostrare l’ospitalità tipica della Sardegna, far conoscere il nostro territorio dando una buona immagine alle persone che vengono. Chi partecipa alla Summer Week sa che non sta andando ad un villaggio vacanze, ma sta entrando in una grande famiglia, e se non lo sa lo scopre quando partecipa.” Spiega Federico Gaviano, coordinatore dell’International Summer Week. “Un altro aspetto molto importante è che si visitano dei posti in cui una persona non ci arriverebbe tramite le guide o i percorsi turistici classici. Le piscine naturali di Sa Stiddiosa, il pranzo dal pastore, o il piccolo villaggio che ti accoglie con tutta la comunità, sono cose ben organizzate ed è differente rispetto ad andarci per conto proprio. Poi credo che la chiave principale sia il fatto che ci siano tante persone provenienti da tanti paesi diversi, tante culture diverse, e si sta tutti insieme in un ambiente interculturale”. Continua Federico, che racconta come questo sia il suo tredicesimo anno consecutivo all’interno dell’International Summer Week. “Io ho iniziato a collaborale con la TDM dal 2007 proprio perché un amico mi ha invitato a partecipare alla Summer Week e poi da lì ho continuato a partecipare ogni anno. Sono diventato socio dell’associazione, ho lavorato per guadagnarmi i soldi per partecipare alla Summer Week, ma fondamentalmente davo già una mano, poi pian piano ho avuto un ruolo sempre più di coordinamento. Per me la Summer Week è una svolta importante della mia vita, perché attraverso questa ho iniziato a collaborare con l’associazione, con cui dopo ho proseguito la collaborazione, e grazie alla quale oggi ho un lavoro. Quindi sostanzialmente rappresenta il mio ingresso all’evento, e il fatto di poterlo coordinare oggigiorno ovviamente mi da ancora più soddisfazione, è una cosa a cui sono particolarmente legato.

LEGGI ANCHE:  Innovazione sociale: contributi a fondo perduto per il Terzo settore.

Federico spiega come l’International Summer Week sia anche un’opportunità di networking professionale, perché partecipano tantissime persone conosciute durante l’anno in diversi meeting, con le quali si riesce a intessere delle possibili partnership che possono portare a nuovi progetti.

Davide Cadeddu, collaboratore della TDM 2000, aggiunge: “L’aspetto che più mi colpisce, e che secondo me ha più rilevanza, è il fatto di dare l’opportunità, non solo alle persone che vengono da fuori, di scoprire la Sardegna, ma anche di scoprire poi le realtà dei paesi da dove queste persone provengono, quindi c’è uno scambio interculturale anche tra di loro. La cosa ha un effetto moltiplicatore, nel senso che vengono e scoprono la realtà di qua, però poi relazionandosi con loro, si creano dei legami che magari sono anche inaspettati. Molte persone hanno instaurato amicizie, alcuni si sono fidanzati, sposati, hanno messo su famiglia… Ci sono i figli della Summer Week! Quindi una promozione interculturale a tutto tondo!” Infatti da quando questo evento ha avuto inizio hanno partecipato persone provenienti da tutti e 5 i continenti e da più di 75 paesi diversi.

LEGGI ANCHE:  Carenza di personale, Zambelli: "In calo nel settore terziario".

Per cui se dal 3 al 10 Agosto doveste vedere un grande gruppo multiculturale aggirarsi per le vie di Cagliari, lasciatevi sfuggire un sorriso, potrebbero essere i Summer Weekers alla scoperta della nostra isola! L’accoglienza parte proprio dai piccoli gesti di ognuno di noi…

(Martina Mameli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.