Ucraina: l’UE si rivolge a regioni e città per sostenere i rifugiati.

Il Comitato europeo delle regioni ha annunciato la costituzione d un hub di supporto informativo per l’Ucraina dedicato alle regioni e le città europee, con l’obiettivo di sostenere i milioni di rifugiati ucraini in fuga dalla guerra. 

Durante una riunione del gruppo di lavoro sull’Ucraina del Comitato europeo delle regioni (CdR), Vitaly Klitschko , sindaco di Kiev, e Andriy Sadovyi , sindaco di Leopoli, hanno anche esortato l’Unione europea ad aumentare gli aiuti umanitari all’Ucraina. Klitschko, nominato membro onorario del CdR all’inizio di marzo, ha chiesto l’unità all’interno dell’UE a sostegno dell’Ucraina, affermando che “l’unità è la nostra chiave per la pace in Ucraina” e ha chiesto di fermare qualsiasi investimento commerciale in Russia .

LEGGI ANCHE:  L’ingrata ragazza ucraina che “odia i sardi”. Quando l’imbecillità corre in rete.

Nell’occasione, il presidente del Comitato europeo delle regioni Apostolos Tzitzikostas, Governatore della regione greca della Macedonia centrale, ha ricordato che “le regioni, le città e i villaggi d’Europa hanno accolto finora quasi 4 milioni di rifugiati ucraini, offrendo rifugio , cibo e sostegno”. “Oggi – prosegue – stiamo lanciando un centro di supporto informativo per le regioni e le città per aiutarle ad aiutare il popolo ucraino. Invito tutti i leader regionali e locali dell’UE a unirsi al nostro progetto di solidarietà e sostenere le nostre regioni confinanti che da sole non possono aiutare i milioni di famiglie sfollate dalla guerra. È nostro dovere condividere la responsabilità e mostrare la solidarietà europea”.

LEGGI ANCHE:  PE. Contrasto alla vendita di animali online

L’ Info-Support Hub for Regions and Cities del CdR offrirà informazioni su diritti, fondi, sostegni e patrocini, concorrendo alla realizzazione della pianificazione dell’assistenza dei rifugiati “dal basso” e “coinvolgendo direttamente le regioni e le città europee che stanno lavorando in prima linea negli sforzi umanitari”.

Un movimento di solidarietà che deve andare di pari passo con una robusta organizzazione secondo la Commissaria europea per gli Affari interni, Ylva Johansson: “L’UE ha concordato questa settimana un piano in 10 punti per il coordinamento del sostegno ai rifugiati. Un sistema che passa da un sistema di registrazione a livello dell’UE e un migliore coordinamento dei trasporti per aiutare le persone a spostarsi tra i Paesi. Abbiamo bisogno di una registrazione chiara, affidabile e trasparente in tutta l’UE. Probabilmente – prosegue Johansson – già un milione di rifugiati sarà registrato per la protezione temporanea questa settimana”.

LEGGI ANCHE:  Pratiche commerciali sleali: la Commissione avvia procedure d'infrazione nei confronti di 12 Stati membri.

foto Daina Le Lardic © European Union 2020 – Source : EP