Tariffe e trasporti nell’Isola, Giorgio Todde: “Speculazioni strumentali dall’opposizione”.

Polemiche e speculazioni politiche prive di utilità. Cosi’ l’assessore ai Trasporti Giorgio Todde ha replicato alle accuse dell’opposizione in Consiglio regionale in merito alla richiesta avanzata alle compagnie aeree e marittime di contenere i prezzi dei biglietti per gli emigrati sardi che intendono tornare nelI’Isola nei giorni di Pasqua. 

“Sulla regolazione delle tariffe – spiega Todde – gravano le imposizioni della Commissione europea che ha opposto un netto diniego ad ogni nostra richiesta sulla tariffa unica, diritto sacrosanto della Sardegna, e perfino sul riconoscimento della tariffa differenziata per i nati in Sardegna. E’ un tema ancora irrisolto – prosegue – non certo per inadempienze della Regione, e che richiede un forte impegno del Governo nazionale nei rapporti con la Commissione”.

LEGGI ANCHE:  NATO, Sottosegretaria Pucciarelli: "Da 72 anni sempre pronta ad affrontare le sfide globali".

Sulla stessa linea l’assessora Alessandra Zedda: “Rispedisco al mittente questa polemica sterile. Non potendo imporre una tariffa speciale, dato l’affidamento in corso, preferisco scegliere la strada della persuasione per convincere coloro che svolgono un servizio pubblico per conto della Regione della assoluta opportunità di un intervento sulle tariffe. Lo stesso invito credo sia legittimo rivolgerlo anche a quelle compagnie low cost che traggono giusti e ampi profitti dall’operare sugli scali sardi. Questo per quanto riguarda il trasporto aereo. Per quanto attiene invece a quello marittimo – continua la vicepresidente della Regione – ricordo che ogni competenza è in capo al Governo, e in particolare al Ministro Giovannini, non certo assimilabile alla nostra area politica”.

LEGGI ANCHE:  La zona franca in Sardegna parte dal piccolo comune di Giave.

foto Sardegnagol riproduzione riservata