Spazio giovani. Orti sociali e giardini sensoriali a Oristano.

Entro la fine del 2021 al Ceas Aristanis ,ospitato nello Spazio Giovani Flavio Busonera di Sa Rodia, nasceranno l’orto della sostenibilità, l’orto sociale, il giardino della biodiversità e il giardino sensoriale

Spazi verdi frutto di un progetto di educazione ambientale e alla sostenibilità presentato dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Oristano Gianfranco Licheri, dal Coordinatore del Ceas Aristanis Antonio Ricciu e dall’agronomo Terenzio Scanu.

“L’obiettivo è valorizzare gli spazi esterni della sede del CEAS ospitato allo Spazio Giovani, trasformandoli in luoghi dedicati all’educazione, all’aggregazione e al benessere psicofisico della persona – spiega l’Assessore Licheri – I cittadini, i giovani, le scuole e tutti coloro che intendono contribuire al progetto possono farlo partecipando alle attività e ai laboratori di educazione ambientale. Sarà realizzato un percorso educativo delle specie sarde, ma anche di quelle provenienti da altre parti del mondo”.

LEGGI ANCHE:  Sassari. McDonald’s premia con una borsa di studio due giovani dipendenti.

“Il progetto di educazione ambientale prevede la tutela e il recupero di beni comuni – sottolinea il coordinatore del Ceas Antonio Ricciu – Gli spazi esterni del Ceas e dello Spazio giovani saranno realizzati quattro angoli verdi strategici: un giardino sensoriale e uno della biodiversità, un orto sociale e uno della sostenibilità in cui pianteremo delle spugne naturali che hanno la caratteristica di non rilasciare sostanze inquinanti nell’ambiente. L’iniziativa è rivolta a tutta la comunità oristanese con particolare attenzione ai giovani e ai disabili. Si svilupperà attraverso una serie di azioni mirate e coordinate finalizzate alla piantumazione degli orti, alla raccolta dei frutti e alla cura delle piante”.

LEGGI ANCHE:  Elena Iriu. La nuova centenaria di Oristano.