Ricerca in Ue: il 41% degli impiegati è donna. Sud Italia fanalino di coda.

Nel 2022, nell’UE erano presenti quasi 7,3 milioni di scienziate e ingegneri, 310.500 in più rispetto al 2021, pari al 41% dell’occupazione totale nel settore della scienza e dell’ingegneria .

Le donne che lavoravano come scienziate e ingegneri erano impiegate principalmente nel settore dei servizi, che comprendeva il 46% degli scienziati e ingegneri in questo settore, mentre nel settore manifatturiero solo il 22% di quelli impiegati come scienziati e ingegneri erano donne.

Tra gli Stati membri dell’UE, secondo l’ultima rilevazione dell’Eurostat, la percentuale di scienziate e ingegneri donne variava ampiamente nel 2022, dal 53% in Danimarca, Lituania (52%) e Bulgaria (51%) al 31% in Ungheria, Finlandia (32%) e Germania ( 34%).

LEGGI ANCHE:  Gli alleati della NATO condannano l'invasione russa dell'Ucraina: "Non accetteremo mai il riconoscimento delle regioni separatiste dell'Ucraina orientale".

Scienziati e ingegneri sono una sottocategoria del concetto ampio di persone impiegate nella scienza e nella tecnologia. Le persone sono classificate come operanti nel campo della scienza e della tecnologia se svolgono occupazioni che potrebbero essere coinvolte nella generazione sistematica, nell’avanzamento, nella diffusione e nell’applicazione della conoscenza scientifica e tecnologica, indipendentemente dal livello di studi. Questa categoria comprende anche altre professioni come tecnici o professionisti associati.

Nel 2022, le percentuali più elevate di donne occupate in professioni scientifiche e tecnologiche nelle regioni di livello 1 della nomenclatura delle unità territoriali per la statistica (NUTS1) sono state osservate in Lituania (un’unica regione a livello NUTS 1) (64,1 %), nel regione francese della Corsica (63,9%) e in Lettonia (anch’essa un’unica regione a livello NUTS 1) (62,7%).  

LEGGI ANCHE:  Conferenza sul futuro dell'Europa. I Presidenti dell'UE verso la firma della dichiarazione.

All’estremità opposta della scala, le regioni con la percentuale più bassa di donne impiegate nel settore scientifico e tecnologico si registrano nella regione italiana Nord-Ovest (45,3%), Malta (45,8%) e nella regione italiana Sud (46,1%). 

foto Cnr