Revenge Porn, operazione ‘Drop the Revenge!’: Denunciato un 35enne di Nuoro.

L’operazione ‘Drop the Revenge!’ ha portato all’identificazione e alla denuncia degli amministratori dei canali Telegram La Bibbia 5.0, Il Vangelo del Pelo e Stupro tua Sorella 2.0 (gestito da un 35enne della Provincia di Nuoro) contenenti immagini denigranti e commenti offensivi. 

Tra le vittime della rete, anche diversi personaggi del mondo dello spettacolo, che hanno deciso di esporsi in prima persona per dimostrare l’importanza di denunciare questo tipo di fatti.

L’azione condotta dalla Polizia Postale in collaborazione con le Procure presso il Tribunale Ordinario di Milano, Palermo, Bergamo e la Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo, ha permesso, quindi l’emersione dei reati informatici, tra i quali quello commesso da un 29enne bergamasco, indagato per aver utilizzato i citati canali a scopo di revenge porn nei confronti della ex compagna.

LEGGI ANCHE:  Con i Bambini: 20 milioni per nuovi spazi aggregativi dedicati ai minori.

Durante la presentazione dei risultati dell’operazione la Polizia Postale e delle Comunicazioni ha ricordato i principali consigli per difendersi dal revenge porn: innanzitutto evitare di documentare la propria intimità attraverso l’invio di foto e filmati al proprio partner; qualora non sia possibile la rimozione dai social, ricorrere al diritto all’oblio, mediante dedicata richiesta all’Autorità Garante per la Protezione dei dati personali.