Pubblicato su ‘Frontiers in Genetics’ lo studio sul grano duro italiano

In uno studio del CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria) pubblicato sulla rivista ‘Frontiers in Genetics‘ si riscopre il patrimonio genetico del grano duro e delle varietà locali italiane. Un viaggio all’interno dei segreti genetici per capire l’adattabilità delle colture ai cambiamenti climatici e perfezionare le caratteristiche nutrizionali della pasta.

La ricerca è stata condotta con l’obiettivo di comprendere gli effetti del miglioramento genetico sulla diversità biologica del grano duro e di dare nuovo impulso all’attività sementiera nazionale, alla luce delle nuove sfide agro-ambientali, dei cambiamenti climatici in atto e delle mutate esigenze dei consumatori.

I ricercatori del CREA e delle Università di Sassari, Napoli (Federico II), Bari (Aldo Moro) e dell’Università Politecnica delle Marche, hanno recuperato e studiato i profili genetici di una collezione di varietà di grano duro: le vecchie popolazioni e varietà locali (landraces), le vecchie cultivar, selezionate a partire dall’inizio del XX secolo e le varietà moderne a taglia bassa coltivate in Italia a partire dagli anni 70 fino ad oggi. 

LEGGI ANCHE:  La sostenibilità alimentare secondo il CREA.

I risultati hanno evidenziato il ruolo chiave svolto dalla varietà Cappelli nella storia del grano duro italiano, segnando il passaggio dalle vecchie varietà locali, coltivate nell’800, alle varietà moderne. Sin dalla sua costituzione, infatti il grano Cappelli è stato parte integrante di tutti i programmi di miglioramento genetico condotti in Italia. Ciò, se da una parte, ha esaltato le peculiarità quanti-qualitative della varietà selezionata da Nazareno Strampelli nel 1915, dall’altra, invece, ha determinato un appiattimento del panorama varietale per diversi decenni, fino all’affermazione delle varietà moderne a taglia bassa.

Agricoltura, foto europarl.europa.euQuesta nuova fase, segnata dall’approvazione della “Legge di purezza della pasta” (L. 580/67) che fissava i limiti qualitativi della materia prima, si è tradotta, a partire dagli anni ’70, nell’introduzione di nuovi materiali genetici e quindi di nuova variabilità genetica, attraverso un rilancio del settore sementiero privato e lo sviluppo di numerose varietà produttive di alto valore qualitativo.

LEGGI ANCHE:  Nuove nomine all'Aou Sassari

L’analisi dei profili genetici di oltre 250 varietà di grano duro coltivate negli ultimi due secoli in Italia ha mostrato come le vecchie varietà locali (landraces) siano state scarsamente sfruttate nei programmi di miglioramento genetico. Si tratta, invece, di un prezioso capitale di risorse cui attingere oggi con le moderne biotecnologie (es. selezione genomica, editing del genoma) per selezionare varietà efficienti non solo per resa e contenuto proteico, ma anche per aspetti legati alla sostenibilità delle produzioni (resistenza ai patogeni ed efficienza nell’utilizzo dell’acqua e dell’azoto) e alle caratteristiche nutrizionali e salutistiche della granella (composizione in fibra, amido, micronutrienti, assenza di micotossine e di metalli pesanti).

LEGGI ANCHE:  Covid-19: frenata del primario con il calo del PIL.

Inoltre, come confermato dallo studio del CREA, la diversità genetica delle varietà locali italiane ben si presta ad attività di pre-breeding, in quanto le landraces, rispetto ai progenitori selvatici del grano duro (es. farro) hanno il vantaggio di essere già ben adattati alle nostre condizioni ambientali.

foto europarl.europa.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.