Politica di Coesione, Commissione: “Riduzione delle lacune nelle regioni Ue”.

Secondo la 9a relazione sulla coesione pubblicata dalla Commissione europea, la politica di coesione starebbe riducendo le disparità economiche, sociali e territoriali in tutta l’UE.

In particolare, secondo il lavoro di indagine, sarebbero stati compiuti grandi passi avanti per ridurre i divari esistenti tra gli Stati membri e le regioni, rafforzare il mercato unico dell’UE e garantire che l’UE continui a investire nel capitale umano e nello sviluppo sostenibile.

Ogni tre anni la Commissione pubblica la sua relazione sulla coesione; tale relazione valuta lo stato attuale della coesione economica, sociale e territoriale dell’UE, presenta i progressi compiuti e gli insegnamenti tratti e illustra il ruolo dell’UE come motore dello sviluppo regionale.

La relazione è basata sui dati, presentando l’evoluzione della coesione in base a un’ampia gamma di indicatori, quali la prosperità, l’occupazione, i livelli di istruzione e la governance. Inoltre analizza le tendenze e le sfide emergenti, consentendo di comprendere in che modo esse incidono sulle regioni dell’UE. 

Ad esempio, la relazione evidenzia che alla fine del 2022 i finanziamenti della politica di coesione tra il 2014 e il 2020 avevano sostenuto oltre 4,4 milioni di imprese e creato 370 000 posti di lavoro in tali imprese.

Nel lungo termine, si prevede che ogni euro investito attraverso la politica di coesione sarà triplicato, entro il 2043, il che equivale a un tasso di rendimento annuo di circa il 4%. Grazie alla politica, si stima che entro il 2027 verranno creati nell’UE 1,3 milioni di posti di lavoro aggiuntivi, con un’ampia quota nei settori legati alle transizioni verde e digitale. La politica di coesione garantisce inoltre che lo sviluppo economico nelle regioni abbia ricadute positive sul mercato unico dell’UE, grazie ai collegamenti commerciali e di investimento.

Alla fine del 2022, i finanziamenti della politica di coesione tra il 2014 e il 2020 avevano sostenuto oltre 4,4 milioni di imprese , creato 370.000 posti di lavoro in queste imprese e costituivano circa il 13% degli investimenti pubblici totali nell’UE, raggiungendo il 51% per gli Stati membri meno sviluppati.

Il 2024 segna 20 anni da quando l’ UE ha accolto nuovi Stati membri nel suo più grande allargamento fino ad oggi. Durante questo periodo, il PIL medio pro capite degli Stati membri che hanno aderito da allora è aumentato dal 52% a quasi l’80% della media dell’UE . Il divario con il resto dell’Ue si è dimezzato. Il tasso di disoccupazione in questi Stati membri è sceso da una media del 13% al 4%.

LEGGI ANCHE:  Unione europea: 114.830 domande di asilo nell'ottobre 2023.

Con un bilancio di 392 miliardi di euro , i programmi di finanziamento della politica di coesione per il periodo 2021-2027 continueranno a investire nella competitività dell’Europa, nelle transizioni verde e digitale, nel capitale umano e nell’inclusione sociale e nella connettività fisica e digitale, rafforzando al contempo il coinvolgimento dei cittadini. In un contesto di persistente carenza di manodopera, la politica di coesione continuerà ad affrontare questioni quali la disoccupazione giovanile e l’apprendimento permanente.

Oltre 100 miliardi di euro sono programmati per sostenere l’azione verde attraverso progetti incentrati su infrastrutture per le energie rinnovabili, efficienza energetica, reti di trasporto sostenibili e iniziative di conservazione della natura. La politica darà inoltre priorità alla ricerca e all’innovazione, consentendo alle regioni di sviluppare tecnologie verdi.

La politica di coesione ha già avuto un impatto significativo sulla realizzazione della transizione verde, stanziando 69 miliardi di euro tra il 2014 e il 2020. Grazie a questi investimenti, 550.000 famiglie hanno beneficiato di un aumento delle prestazioni energetiche degli edifici , riducendo così le bollette energetiche; sono stati creati 6.000 megawatt di capacità di energia rinnovabile (il che significa che il fabbisogno elettrico annuale di circa 4 milioni di famiglie nell’UE è ora soddisfatto); sono state adottate misure di protezione dalle inondazioni per 17 milioni di persone; sono state attuate misure di conservazione dell’habitat per 3,4 milioni di ettari; e 6,9 ​​milioni di persone hanno avuto accesso a una migliore fornitura d’acqua.

Il rapporto odierno evidenzia che il cambiamento climatico aggrava le disuguaglianze regionali , incidendo in modo più pesante sulle regioni costiere, mediterranee e sudorientali dell’UE. Qui i costi del cambiamento climatico possono ammontare a oltre l’1% del PIL annuo . La transizione verso un’economia climaticamente neutra deve essere realizzata in modo giusto ed equo, poiché le regioni hanno capacità diverse di trarne i benefici. Questo è il motivo per cui la politica di coesione investe per creare posti di lavoro e opportunità in tutte le regioni, per aumentare la resilienza climatica e mitigare i rischi.

LEGGI ANCHE:  Isola dei Cavoli, GrIG: "Regolamentare gli accessi".

La digitalizzazione porterà maggiore produttività, innovazione e un migliore accesso ai servizi. Tuttavia, le regioni dell’UE hanno una capacità disomogenea di utilizzare le nuove tecnologie. La politica di coesione ha investito 14 miliardi di euro tra il 2014 e il 2020 per superare il divario digitale, sia sociale che geografico, ad esempio migliorando l’accesso ai servizi di e-government e di e-health e favorendo la diffusione della banda larga nelle regioni remote e rurali . Le prestazioni delle reti fisse sono migliorate in tutti gli Stati membri e 7,8 milioni di famiglie hanno beneficiato di una migliore connessione a banda larga .

La politica di coesione fornisce una fonte stabile di investimenti pubblici in tempi di vincoli di bilancio. Pur realizzando i suoi obiettivi a lungo termine di investire in misure strutturali a sostegno della crescita a sostegno dello sviluppo, dell’occupazione e di aiuto alle regioni nel contesto dei cambiamenti demografici e delle transizioni verde e digitale, la politica di coesione ha anche dimostrato di essere uno strumento flessibile per sostenere Stati membri e regioni in tempi di crisi .

Ciò include la rapida mobilitazione delle risorse per soddisfare le esigenze a breve termine durante la crisi sanitaria COVID-19 . Con i due pacchetti di sostegno lanciati nella primavera del 2020 ( CRII e CRII+), la politica di coesione ha destinato 23 miliardi di euro alla lotta alla pandemia , sostenendo in particolare l’acquisto di ventilatori, vaccini e medicinali per gli ospedali, l’assunzione di ulteriori operatori sanitari e la fornitura di servizi sanitari. servizi di assistenza domiciliare per i gruppi vulnerabili. Poiché la crisi ha avuto un forte impatto sulle PMI, i fondi di coesione hanno anche offerto un sostegno finanziario urgente per gli investimenti in apparecchiature informatiche per garantire che potessero adattarsi alla “nuova normalità”. Grazie a questo sostegno, tutte le categorie di regioni sono tornate ai livelli di PIL del 2019 solo due anni dopo la crisi sanitaria del Covid-19 , in contrasto con la crisi finanziaria del 2008, dove ci sono voluti più di 10 anni perché alcune regioni si riprendessero.

LEGGI ANCHE:  Giovani, Schinas a Kiev per la cooperazione in materia di gioventù.

La politica di coesione ha inoltre messo a disposizione finanziamenti e flessibilità per aiutare le regioni ad accogliere le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina . Questi finanziamenti hanno sostenuto misure di emergenza come la costruzione di centri di accoglienza e rifugi e investimenti in ospedali mobili e servizi igienico-sanitari. È stato fornito sostegno anche nei settori dell’occupazione, dell’istruzione e dell’inclusione sociale, come corsi di lingua, assistenza psicologica e accesso ai servizi sanitari e di assistenza all’infanzia.

Sebbene la convergenza sia in atto, il Rapporto sottolinea che permangono alcune sfide. Queste includono le disparità subnazionali tra le grandi aree metropolitane e altre regioni, e quelle regioni intrappolate nella “trappola dello sviluppo” e che sono in ritardo. I cambiamenti demografici incidono ulteriormente su queste sfide , poiché molte regioni si trovano ad affrontare un calo della popolazione in età lavorativa, una popolazione più giovane in partenza e difficoltà nel trattenere i talenti. Ciò dimostra l’importanza di sostenere la coesione regionale e investire in posti di lavoro e opportunità per la prossima generazione europea.

Traendo insegnamenti dall’attuazione della politica di coesione, tenendo conto dell’esperienza di altri strumenti come il dispositivo per la ripresa e la resilienza , la comunicazione sul 9° rapporto sulla coesione sottolinea la necessità di riflettere su come migliorare la progettazione della politica per meglio realizzare gli obiettivi del trattato. Alcuni aspetti includono la gestione delle dinamiche economiche emergenti e dei nuovi squilibri, l’adattamento del sostegno alle esigenze regionali, un’attuazione più rapida, un’ulteriore semplificazione, un maggiore orientamento alla performance e un collegamento con le riforme, nonché flessibilità integrate per reagire a eventi imprevisti.

Una prima discussione dei risultati del 9 ° rapporto sulla coesione avrà luogo durante il prossimo ° Forum sulla coesione , che si terrà dall’11 al 12 aprile 2024 a Bruxelles. I rappresentanti delle parti interessate delle autorità nazionali, regionali e locali rifletteranno su come la politica di coesione può continuare a garantire che nessuna regione venga lasciata indietro nei cambiamenti strutturali in corso.

foto European Committee of the Regions