L’UE ha accolto 5,1 milioni di immigrati nel 2022.

Nel 2022, 5,1 milioni di persone sono immigrate nell’UE da Paesi extra-UE, mentre 1,0 milioni di persone sono emigrate dall’UE verso destinazioni al di fuori dell’UE. 

L’afflusso di immigrati da Paesi extra-UE, secondo l’Eurostat, è più che raddoppiato rispetto ai 2,4 milioni stimati nel 2021. Al contrario, il numero di residenti nell’UE che emigrano verso paesi extra-UE è rimasto stabile, con 1,0 milioni di emigranti nel 2021.

Immigrati nell'UE, 2022, per 1 000 residenti. Grafico. Vedi il collegamento al set di dati completo di seguito.
Immigrati in Ue, foto Eurostat

Nel 2022, si stima che vi fossero 11 immigrati provenienti da paesi terzi ogni 1.000 residenti nell’UE. 

Rispetto alle dimensioni della popolazione residente, Malta ha registrato il tasso più elevato di immigrazione dai paesi dell’UE e da paesi extra-UE nel 2022 (66 immigrati ogni 1.000 residenti), seguita da Lussemburgo (48) ed Estonia (37). 

LEGGI ANCHE:  Cercano droga e trovano armi. Denunciato dai 'Falchi' un agricoltore di 53anni.

Al contrario, la Slovacchia ha registrato il tasso di immigrazione più basso, con 1 immigrato ogni 1.000 residenti, seguita da Bulgaria e Francia, ciascuna con 6 immigrati ogni 1.000 residenti. 

Il 1° gennaio 2023, più della metà (50,4%) della popolazione lussemburghese era nata all’estero. Malta (28,3%) e Cipro (22,7%) completano i primi 3 paesi dell’UE con la percentuale più alta di popolazione nata all’estero. 

Al contrario, le quote più basse sono state registrate in Polonia (2,5%), Bulgaria (2,6%) e Romania (2,8%). 

In termini assoluti, il maggior numero di residenti nati all’estero (da altri Paesi dell’UE e da Paesi extra-UE) è stato registrato in Germania (16,5 milioni di persone), Francia (8,9 milioni) e Spagna (8,2 milioni). 

LEGGI ANCHE:  Coronavirus: completamente vaccinato il 70% della popolazione adulta dell'UE.

In termini relativi, il Lussemburgo ha di gran lunga la quota maggiore di residenti nati in un altro Paese dell’UE, il 33,2%, seguito da Cipro con il 10,6% e dall’Austria con il 9,5%. 

Le quote più basse di residenti nati in altri Paesi dell’UE, inferiori all’1%, sono state registrate in Polonia (0,6%), Lituania (0,7%) e Bulgaria (0,9%).

Per quanto riguarda i residenti nati in Paesi extra-UE, le quote più elevate sono state registrate a Malta (20,9%), seguita dal Lussemburgo (17,2%). Irlanda, Svezia ed Estonia hanno registrato una quota del 15,2% ciascuna. 

Le percentuali più basse di residenti nati al di fuori dell’UE sono state registrate in Slovacchia (1%), Bulgaria e Romania (1,7% ciascuna).

LEGGI ANCHE:  Oscar 2021: sette film sostenuti dall'UE.