Aumentano i dolori cronici tra gli adolescenti in Ue.

Il dolore cronico pediatrico è diventato sempre più comune negli ultimi anni, come risultato di vari fattori sanitari, individuali, sociali e ambientali. Gli studi hanno dimostrato che un impressionante 46% dei bambini e degli adolescenti soffre di questo disturbo, che comporta costi fino a 9 000 euro per famiglia.

A richiamare l’attenzione della Commissione von der Leyen su tale fenomeno sono stati i due eurodeputati del gruppo dei Non Iscritti, Antoni Comín i Oliveres e Carles Puigdemont i Casamajó: “Nel suo discorso sullo stato dell’Unione del 2022 , la presidente von der Leyen aveva annunciato una nuova iniziativa sulla salute mentale per il 2023, derivante dalla Conferenza sul futuro dell’Europa. Dato lo stretto legame tra dolore cronico e salute mentale, come confermato dalle più recenti ricerche mediche, quali sono i risultati ottenuti dal piano di prevenzione dell’UE?”.

LEGGI ANCHE:  Carta europea dello studente, Lefteris Christoforou: "Attuare la proposta per la carta unica". Mariya Gabriel: "Già stampate 2,6 milioni di tessere".

A nome della Commissione, la commissaria alla Salute, Stella Kyriakides, ha precisato che nel giugno 2023 è stato adottata la comunicazione su un approccio globale alla salute mentale. Un provvedimento definito dall’esponente della Commissione come “un punto di partenza per un approccio più olistico e oltre il settore sanitario e capace di individuare numerose opportunità di finanziamento per gli Stati membri e le parti interessate, che potrebbero voler dare priorità o prendere in considerazione il dolore cronico”.

“Nell’implementazione delle sue 20 iniziative faro – prosegue la Kyruakides – la Commissione continua a collaborare con gli Stati membri attraverso il sottogruppo sulla salute mentale del gruppo di esperti sulla sanità pubblica. Il piano di prevenzione, preparazione e risposta dell’Unione – conclude – si applica alle categorie di gravi minacce per la salute a carattere transfrontaliero come le minacce di origine biologica, chimica, ambientale ed eventi che possono costituire emergenze sanitarie pubbliche di carattere internazionale. In quanto tale, la prevenzione dell’Unione, il piano di preparazione e risposta non include il dolore cronico”.

LEGGI ANCHE:  Alghero, unica città italiana nel progetto "MedGaims".

Denis Lomme Copyright: © European Union 2022 – Source : EP