Partecipazione. Il Comune di Roma chiede il parere dei giovani.

È partita ieri (diversamente dalle poco sostanziali iniziative istituzionali sarde) l’indagine sulla condizione dei giovani a Roma, avviata dall’Ufficio di Scopo Politiche Giovanili per raccogliere dati aggiornati e informazioni utili sulla popolazione compresa nella fascia di età tra i 16 e i 35 anni.

Un’iniziativa, spiegano dal Comune di Roma, che mira a intercettare le esigenze e prospettive per sviluppare politiche e iniziative mirate verso i giovani.

Le rilevazioni verranno effettuate fino al 5 novembre attraverso un questionario di 48 domande disponibile sul sito di Roma Capitale, e in tutti i Municipi tramite interviste dirette effettuate da giovani del Servizio civile attualmente impegnati in diversi progetti presso Roma Capitale.

Inoltre, è stata predisposta una specifica campagna di comunicazione, con l’obiettivo di coinvolgere i giovani e invitarli a compilare il questionario online presente sul sito istituzionale. Per dicembre, infine, è prevista anche la pubblicazione della ricerca.

LEGGI ANCHE:  Studenti ucraini: 31 milioni alle scuole italiane. 460mila euro alla Sardegna.

“Con questa iniziativa vogliamo metterci in ascolto dei più giovani, per costruire politiche più vicine alle loro esigenze. Lavoro, istruzione, tempo libero, saranno i temi centrali di questa indagine, ma anche le difficoltà quotidiane, il vissuto personale. Puntiamo a raccogliere la voce dei più giovani e le loro istanze. L’auspicio è che ci sia la più ampia partecipazione per avere dati e informazioni utili a progettare insieme misure più efficaci e inclusive per il futuro dei giovani”, dichiara il consigliere delegato del Sindaco per le Politiche giovanili Lorenzo Marinone.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata