Parlamento europeo: “Trasparenza sui contratti dei vaccini Covid-19”.

Nella discussione in plenaria di oggi, i deputati hanno avuto uno scambio di opinioni con Ana Paula Zacarias, Segretario di Stato portoghese per gli Affari europei, a nome della Presidenza portoghese del Consiglio, e Stella Kyriakides, Commissario UE per la salute e la sicurezza alimentare, esprimendo un approccio comune verso la lotta contro la pandemia e, soprattutto, chiedendo la piena trasparenza sui contratti dei vaccini Covid-19.

Per l’ampia maggioranza dei deputati deve essere deplorato il “nazionalismo sanitario” espresso da alcune nazioni europee, attraverso la sottoscrizione di contratti paralleli firmati da alcuni Stati membri o i tentativi di superare la concorrenza di altri Paesi per l’approvvigionamento dei vaccini.

LEGGI ANCHE:  Concorrenza: la Vestager alla conferenza con i giovani esperti.

“Soltanto con la solidarietà e l’unità si potrà affrontare la pandemia con successo” secondo la maggioranza dei deputati europei che hanno chiesto piena trasparenza sui termini dei contratti, che coinvolgono il denaro pubblico, tra l’UE e le aziende farmaceutiche. Le recenti concessioni da parte della Commissione, che ha permesso ai deputati di consultare gli attuali contratto con le aziende farmaceutiche, sono state ritenute insufficienti. I deputati hanno infatti ribadito che “solo la piena trasparenza può aiutare a combattere la disinformazione e creare fiducia nelle campagne di vaccinazione in tutta Europa”.

Contrariamente a quanto proposto da alcuni esponenti italiani, che vorrebbero collegare la fornitura dei vaccini al Pil regionale, gli eurodeputati hanno affermato il principio di responsabilità verso i Paesi vicini e partner più vulnerabili: “La pandemia può essere superata solo quando tutte le persone avranno pari accesso ai vaccini, non solo nei paesi ricchi”.

LEGGI ANCHE:  Covid, Luisa Regimenti: “Su mix vaccini servono prudenza ed evidenze scientifiche, EMA faccia chiarezza”.

La Commissione dovrebbe pubblicare oggi un’ulteriore comunicazione sulla strategia Covid-19 dell’UE. I leader dell’UE discuteranno lo stato di avanzamento della pandemia durante la riunione del Consiglio europeo del 21 gennaio.

foto europarl.europa.eu