Iran, PE: “Sanzioni più dure contro il regime di Raisi”.

Inserire nella lista dei terroristi UE il corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche e spingere le massime autorità iraniane a porre fine alla repressione dei cittadini. Queste le richieste contenute nella risoluzione parlamentare adottata ieri per alzata di mano dagli eurodeputati del Parlamento europeo.

I deputati, in particolare, hanno chiesto che tutti i responsabili di violazioni dei diritti umani in Iran siano colpiti da sanzioni da parte dell’UE: “Il palese disprezzo del regime iraniano per la dignità umana e le aspirazioni democratiche dei suoi cittadini, nonché il suo sostegno alla Russia – si legge nella nota parlamentare – ulteriori adeguamenti della posizione dell’UE nei confronti dell’Iran”.

LEGGI ANCHE:  Riforma elettorale UE e liste transnazionali: gli europarlamentari chiedono regole comuni.

Richiesta seguita dalla proposta di ampliare l’elenco delle sanzioni per includere tutti gli individui e le entità responsabili di violazioni dei diritti umani e i loro familiari, tra cui la Guida Suprema Ali Khamenei, il Presidente Ebrahim Raisi, il Procuratore Generale Mohammad Jafar Montazeri e tutte le fondazioni legate al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche.

Un appello al rilascio incondizionato di tutti i manifestanti è stato poi lanciato dall’Eurocamera alle autorità della Repubblica islamica che ha chiesto di perseguire i responsabili dell’uccisione di centinaia di manifestanti.

Nella risoluzione è stata inserita anche la richiesta di “estensione delle misure restrittive” contro l’Iran, che continua a fornire droni e missili terra-aria alla Russia.

LEGGI ANCHE:  Parlamento Europeo: risoluzione sulle politiche economiche nella zona euro

foto Brigitte Hase Copyright: © European Union 2022 – Source : EP