Google Analytics, stop dal Garante della Privacy: “Viola la normativa”.

I dati degli utenti sarebbero trasferiti negli Usa senza adeguate garanzie. E’ la conclusione alla quale è pervenuta l’Autorità Garante della Privacy italiana in merito al servizio di Google Analytics che, senza le garanzie previste dal Regolamento UE, violerebbe la normativa sulla protezione dei dati trasferendoli negli Stati Uniti, Paese privo di un adeguato livello di protezione.

Dall’indagine del Garante è emerso che i gestori dei siti web che utilizzano GA raccolgono, mediante cookie, informazioni sulle interazioni degli utenti con i predetti siti, le singole pagine visitate e i servizi proposti. Tra i molteplici dati raccolti, gli indirizzi IP dei dispositivo degli utenti e informazioni relative ai browser, al sistema operativo, alla risoluzione dello schermo, alla lingua selezionata, nonché data e ora della visita al sito web. Tali informazioni sono risultate oggetto di trasferimento verso gli Stati Uniti. Nel dichiarare l’illiceità del trattamento è stato ribadito che l’indirizzo IP costituisce un dato personale e anche nel caso fosse troncato non diverrebbe un dato anonimo, considerata la capacità di Google di arricchirlo con altri dati di cui è in possesso.

LEGGI ANCHE:  A Giampiero Farru e Sardegna Solidale il Premio nazionale Gattamelata

All’esito di tali accertamenti il Garante ha adottato il primo di una serie di provvedimenti con cui ha ammonito Caffeina Media S.r.l. che gestisce un sito web, ingiungendo alla stessa di conformarsi al Regolamento europeo entro novanta giorni. Il tempo indicato è stato ritenuto congruo per consentire al gestore di adottare misure adeguate per il trasferimento, pena la sospensione dei flussi di dati effettuati, per il tramite di GA, verso gli Stati Uniti.

Il Garante ha evidenziato, in particolare, la possibilità, per le Autorità governative e le agenzie di intelligence statunitensi, di accedere ai dati personali trasferiti senza le dovute garanzie, rilevando al riguardo che, alla luce delle indicazioni fornite dall’EDPB (Raccomandazione n. 1/2020 del 18 giugno 2021), le misure che integrano gli strumenti di trasferimento adottate da Google non garantiscono, allo stato, un livello adeguato di protezione dei dati personali degli utenti.

LEGGI ANCHE:  Covid-19: inalterati i posti in area medica e 1555 nuovi positivi.

Con l’occasione l’Autorità ha richiamato tutti i gestori italiani di siti web, pubblici e privati, invitandoli a verificare la conformità delle modalità di utilizzo di cookie e altri strumenti di tracciamento utilizzati sui propri siti web, con particolare attenzione a Google Analytics e ad altri servizi analoghi, con la normativa in materia di protezione dei dati personali.

Foto di Simon Steinberger da Pixabay