Giunta per il regolamento, M5S: “Noi unici esclusi”.

“La Giunta per il regolamento, da quasi due mesi, non rappresenta più tutte le forze politiche in Consiglio regionale. Questo da quando il Gruppo M5s non ha più alcun rappresentante in seno alla Giunta stessa, a seguito dell’uscita dal Gruppo pentastellato della consigliera che ne faceva parte”.

Attualmente, ricordano i consiglieri pentastellati, fanno parte della Giunta per il regolamento i consiglieri di dieci gruppi consiliari su un totale di undici gruppi. Unico non rappresentato? Il M5S”.

“Pertanto, essendo il nostro l’unico gruppo consiliare escluso, ci siamo trovati costretti a farlo presente al Presidente Pais, richiamando l’art. 14 1 bis. del regolamento interno, nel quale viene specificato che il Presidente del Consiglio “può integrarne la composizione ai fini di una più adeguata rappresentatività tenendo sempre presenti, per quanto possibile, criteri di proporzionalità tra i vari gruppi”.

LEGGI ANCHE:  Pronto soccorso in Sardegna. In audizione i direttori di Cagliari e Sassari. Fabrizio Polo: "Massacro psicologico che dura da 18 mesi”.

Una richiesta alla quale non è seguita alcuna risposta, lamentano i consiglieri regionali del gruppo: “Al nostro appello, purtroppo, non è seguita alcuna risposta. Abbiamo provveduto quindi a sollecitare, ma senza aver ottenuto neanche in questa occasione l’esito sperato. Ecco perché, dopo aver cercato di porre rimedio a questa incresciosa situazione tramite le vie ufficiali, oggi abbiamo deciso di denunciare questo fatto all’opinione pubblica”.

“Qualora la Giunta dovesse essere convocata per prendere decisioni importanti – sottolineano i consiglieri del M5s – il nostro Gruppo rimarrà fuori. La Giunta per il regolamento, ricordiamo, si occupa di trattare questioni delicate, di interpretare e modificare il regolamento interno del Consiglio appunto. Recentemente si prospettava addirittura una modifica dei tempi di intervento concessi a ciascun consigliere. È quindi auspicabile che tutti i gruppi vengano rappresentati e che nessuno venga escluso”. 

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili: prosegue mercoledì l'esame della Proposta di legge 182.