Erasmus+: 4,3 miliardi di euro per sostenere la gioventù nel 2024.

La Commissione ha pubblicato oggi l’invito a presentare proposte 2024 nell’ambito di Erasmus+, il programma dell’UE a sostegno dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport in Europa. Con un budget di 4,3 miliardi di euro per il prossimo anno, Erasmus+ continuerà a sostenere le esperienze transnazionali degli alunni delle scuole, degli studenti dell’istruzione superiore e dell’istruzione e formazione professionale. Il programma offre anche opportunità a studenti adulti, educatori e personale, nonché a giovani che partecipano a programmi di apprendimento non formale.

Per alleviare l’effetto dell’inflazione sui partecipanti che studiano all’estero e consentire un’ampia partecipazione, il programma aumenterà i livelli delle borse di mobilità. Seguendo lo stesso approccio del bando 2023, gli importi delle sovvenzioni per il sostegno individuale a coloro che studiano all’estero saranno adeguati del 5,9% per la maggior parte delle azioni di mobilità del bando 2024. A questo aumento si aggiunge un primo aggiustamento del 12,27% nel 2023.

LEGGI ANCHE:  Digital footprint.

Nel 2024, il programma offrirà incentivi più forti per i viaggi sostenibili. Sarà presentata a partire dal 2024 come opzione predefinita, con i partecipanti provenienti da aree remote, isole o luoghi con reti ferroviarie insufficienti che riceveranno un compenso adeguato per l’utilizzo di tali modalità di viaggio sostenibili. Per la prima volta verranno offerti contributi viaggio anche per la mobilità intraeuropea degli studi superiori. Ciò garantirà norme di finanziamento più uniformi in tutti i settori.

Le attività di cooperazione nell’ambito di Erasmus+ continueranno a riunire persone e organizzazioni per lavorare sulle quattro priorità chiave generali del programma : inclusione, cittadinanza attiva e partecipazione democratica, transizioni verdi e digitali.

Questi possono variare dal sostegno a progetti su piccola scala a livello locale a iniziative transnazionali come le Università europee , dedicate ad alleanze transnazionali di università, i Centri per l’eccellenza professionale e le Accademie degli insegnanti Erasmus+. Queste iniziative stanno svolgendo un ruolo di primo piano nelle transizioni verdi e digitali dei sistemi di istruzione e formazione.

LEGGI ANCHE:  Big Data e IA, l'Emilia-Romagna (non la Sardegna) punta sui giovani.

Erasmus+ continuerà a sostenere l’Ucraina, attraverso progetti che possono, ad esempio, incoraggiare la mobilità per l’apprendimento in entrata, conferire nuove competenze alle persone in fuga dal paese, contribuire a combattere la disinformazione o promuovere l’integrazione dei rifugiati in un nuovo sistema educativo.

Erasmus+ continuerà inoltre a svolgere un ruolo chiave nella promozione dei valori comuni dell’UE. Tutti i beneficiari del programma e le attività da essi implementate rispetteranno e promuoveranno i valori della dignità e dei diritti umani, della libertà, della democrazia, dell’uguaglianza e dello stato di diritto.

Nell’ambito del presente bando Erasmus+, qualsiasi ente pubblico o privato attivo nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport può presentare domanda di finanziamento tramite le Agenzie Nazionali Erasmus+  (in tutti gli Stati membri dell’UE e nei paesi associati al programma) o tramite il Fondo  Europeo Agenzia esecutiva per l’istruzione e la cultura (EACEA).

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili, Spadafora: "Ribaltare le consuetudini e partire dall’ascolto".

Il bilancio totale disponibile per  Erasmus+ dal 2021 al 2027  ammonta a 26,2 miliardi di euro, a cui si aggiungono circa 2,2 miliardi di euro provenienti dagli strumenti esterni dell’UE. Dal 1987 oltre 14 milioni di persone hanno beneficiato del programma Erasmus+ attraverso la partecipazione a varie attività di istruzione, formazione e mobilità giovanile. Il programma espande continuamente la sua portata per coinvolgere più cittadini.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata