Ue. 86 milioni gli articoli contraffatti sequestrati nel 2022.

Secondo un rapporto congiunto dell’EUIPO e della Commissione europea pubblicato oggi, nel 2022 nell’Unione europea (alle frontiere esterne dell’UE e nel mercato interno) sono stati detenuti circa 86 milioni di articoli falsi . Il valore stimato degli articoli falsi detenuti nell’UE ammonta a oltre 2 miliardi di euro , con un aumento di circa il 3% nel 2022 rispetto al 2021.

Il rapporto mostra inoltre che i cinque prodotti più sequestrati, in termini di numero di articoli sequestrati in tutta l’UE, erano giochi, materiale da imballaggio, giocattoli, sigarette e CD/DVD registrati . Questi articoli rappresentavano oltre il 72% dei prodotti registrati.

Mentre il numero di articoli trattenuti alla frontiera dell’UE nel 2022 è diminuito del 43 % nel 2022 rispetto al 2021, il loro valore è aumentato dell’11 % rispetto all’anno precedente, perché sono stati trattenuti più articoli con un valore al dettaglio interno più elevato rispetto all’anno precedente anno. Per quanto riguarda i fermi nel mercato interno, la polizia e le autorità di vigilanza del mercato hanno fermato più merci contraffatte rispetto al 2021 (un aumento di quasi il 26%). Il valore di tali beni è però diminuito a causa della maggiore percentuale di oggetti trattenuti appartenenti a categorie merceologiche più economiche.

LEGGI ANCHE:  MiC: online il bando per la Capitale italiana della cultura 2024.

Il rapporto si basa sui dati forniti dalle autorità di polizia, doganali e di vigilanza del mercato degli Stati membri dell’UE nel 2022 e pubblicati oggi dalla direzione generale della Fiscalità e unione doganale (DG TAXUD) della Commissione europea e dall’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO). in un documento congiunto sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale da parte dell’UE: risultati alle frontiere dell’UE e nel mercato interno dell’UE nel 2022. Il documento annuale congiunto mostra i risultati annuali per l’applicazione dei diritti di proprietà intellettuale da parte delle autorità dell’UE rispettivamente alle frontiere dell’UE e nel mercato interno dell’UE.

Dieci Stati membri (Italia, Francia, Paesi Bassi, Bulgaria, Germania, Lituania, Spagna, Ungheria, Grecia e Portogallo) rappresentano oltre il 96% del numero totale di articoli falsi detenuti nel 2022 nell’UE. L’Italia rappresenta oltre la metà del numero totale di articoli contraffatti e oltre il 33% in termini di valore stimato.

LEGGI ANCHE:  Giovani, Schinas a Kiev per la cooperazione in materia di gioventù.

Come negli anni precedenti, la Cina rimane il principale Paese d’origine della maggior parte dei prodotti contraffatti che entrano nell’UE nel 2022, seguita da Turchia (da cui la categoria più detenuta è l’abbigliamento) e Hong Kong, Cina (da cui la categoria più detenuta è l’abbigliamento) relativi agli accessori per telefoni cellulari). Nel 2022 il servizio postale e il corriere espresso sono rimasti i mezzi di trasporto più significativi in ​​termini di casi registrati.

Questo documento congiunto mira a fornire informazioni utili a sostegno dell’analisi della violazione dei DPI nell’UE e dello sviluppo di contromisure adeguate da parte delle autorità competenti, poiché le cifre consentono una migliore comprensione della portata e della portata del problema. Su una scala più ampia, dovrebbe fornire ai politici dell’UE dati per lo sviluppo di priorità e politiche basate sull’evidenza.

LEGGI ANCHE:  Oltre 4,2 milioni di persone sotto protezione temporanea in Ue.

Le proposte della Commissione europea per un’ambiziosa riforma dell’unione doganale dell’UE, presentato all’inizio di quest’anno, contribuirà a reprimere la capacità dei truffatori di importare merci contraffatte nell’UE. In primo luogo, il nuovo sistema proposto offrirà alle autorità doganali una visione panoramica in tempo reale dei dati relativi alle catene di approvvigionamento e ai processi di produzione delle merci che entrano nell’UE, consentendo alle dogane di rispondere in modo più rapido, coerente ed efficace ai rischi, comprese le merci che violare i diritti di proprietà intellettuale. In secondo luogo, una nuova autorità doganale dell’UE migliorerà sostanzialmente la cooperazione tra le autorità doganali e di vigilanza del mercato e le autorità di contrasto a livello nazionale e dell’UE, consentendo una migliore gestione dei rischi e prevenendo il cosiddetto “border shopping”, in cui i contraffattori cercano la via più semplice per entrare nel mercato.