La Commissione europea propone la proroga delle misure di emergenza.

La Commissione ha proposto oggi al Consiglio di prorogare diverse misure di emergenza dell’UE introdotte lo scorso anno per affrontare la crisi energetica. Anche se quest’anno l’UE si trova in una posizione molto migliore e gli strumenti di gestione della crisi si sono rivelati efficaci per calmare i mercati e garantire forniture stabili, la proroga di altri 12 mesi fornirà un’ulteriore tutela poiché i mercati energetici globali rimangono tesi .

Le misure includono il cosiddetto Regolamento sulla solidarietà, che contiene disposizioni sulla trasparenza del mercato del GNL e regole predefinite per la solidarietà in caso di carenze, il meccanismo di correzione del mercato e le norme di emergenza relative all’accelerazione delle autorizzazioni per progetti di energia rinnovabile.

LEGGI ANCHE:  Nagorno-Karabakh, Iham Aliyev: "Capitolazione delle forze armene".

Migliorare la resilienza del mercato , far avanzare rapidamente la transizione verso l’energia pulita e garantire un approvvigionamento energetico sicuro rimane una priorità assoluta della Commissione, poiché la stagione del riscaldamento è ormai iniziata nella maggior parte d’Europa. 

La proroga proposta richiede ora l’approvazione del Consiglio a maggioranza qualificata, in linea con l’articolo 122 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea.

foto di Free-Photos da Pixabay.com