Elezioni, Renzi su accordo con Azione: “Abbiamo piantato un nuovo seme”.

“Ieri abbiamo piantato il seme di una pianta che io spero possa vivere a lungo”. Cos’ì il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha commentato oggi l’accordo tra Azione e Italia Viva, nato dopo 14 ore di verifica finale sui testi e mirato a costruire “una casa per chi, moderato, non vuole votare la Fiamma e i sovranisti. E per chi, riformista, non crede al Pd alleato con Di Maio e con gli estremisti di sinistra”. 

Un intervento per cercare di spiegare il senso di questo nuovo (quanto sedicente) “terzo polo”, definito come una “proposta concreta, competente, seria sul lavoro, sull’ambiente, sulle tasse, sulla cultura, sul sociale”.

“Per costruire una casa nuova – prosegue Renzi – ci vuole un pizzico di follia, e quella non manca”. Sui contenuti, magari, il leader di Italia Viva potrebbe fare meglio. La nuova “ammucchiata” nata dall’incontro tra Italia Viva e Azione, come confermato dal leader fiorentino, avrà Carlo Calenda in qualità di leader: “Lascio volentieri che sia Carlo Calenda a guidare la campagna elettorale – ha aggiunto Renzi -. Talvolta abbiamo discusso, lo sapete, ma i punti che ci uniscono sono molti di più di quelli che ci dividono”. Tra di essi, il più probabile, il tema dello sbarramento previsto dall’attuale legge elettorale…

LEGGI ANCHE:  Unità d'Italia, Roberto Fico: "Nostri valori chiave per affrontare le sfide del futuro".