Corsa contro il tempo per il nuovo Palasport di Cagliari. I termini scadono a marzo.

Sarà di 25 milioni di euro – dei quali 3,5 provenienti da risorse comunali, 8 dalle federazioni sportive nazionali e 13,7 dalla Regione Sardegna – la dotazione prevista per la realizzazione del nuovo Palasport di Cagliari che sorgerà nell’attuale area dei parcheggi Cuore.

Una nuova infrastruttura che si spera possa sostenere lo sviluppo locale per il Presidente della FIT, Angelo binaghi: “Finalmente lo sport sardo troverà una casa. Questo, a memoria, è il più grande intervento realizzato dalle istituzioni per lo sport nell’Isola. Una struttura polifunzionale che potrà aprirsi anche all’organizzazione di eventi e spettacoli”.

“Quella di oggi – ha dichiarato il Presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas – è una giornata di festa per tutto lo sport sardo perché presentiamo un momento di proficua collaborazione non solo tra Istituzioni politiche e di governo ma anche tra istituzioni e mondo dello sport. Una collaborazione ampia e forte per la costruzione del nuovo palazzetto dello sport di Cagliari che rappresenta una best practice da esportare e riportare su altre opere e altri territori”.

LEGGI ANCHE:  Abodi al Consiglio UE della gioventù: "Rafforzare presenza giovani".

Lo stesso entusiasmo è stato espresso dal Ministro Abodi, che ha sottolineato l’impegno e lo sforzo della Regione e la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti per far sì che il nuovo Palazzetto possa essere realizzato. “Siamo in presenza di un progetto che avrà una valenza nazionale. Quello che arriva dalla Sardegna – ha detto il ministro – è un modello virtuoso che porterò in tutto il Paese quale esempio dello sport come miglioramento della qualità dei luoghi, della vita dei cittadini e dei territori. Cagliari – ha evidenziato il ministro Abodi – ospiterà un Palazzetto che avrà caratteristiche di modernità dal punto di vista dell’accessibilità ma anche dell’educazione ambientale, elementi che diventeranno esemplari per la città e per chi accederà alla struttura”.

Andrea Abodi, foto Sardegnagol riproduzione riservata
Andrea Abodi, foto Sardegnagol riproduzione riservata

Un intervento, ha poi aggiunto il ministro, mirato a “contrastare la sedentarietà, mmigliorare la vita della comunità e allargare la base sportiva”. “Siamo – ha ricordato Abodi – il 5° Paese più sedentario tra i Paesi OCSE, dove il 25% dei giovani è sovrappeso. Una discrepanza che costa al nostro Paese circa 4 miliardi di euro in spesa sanitaria”.

LEGGI ANCHE:  II trimestre 21, Istat: "Pil +2,7%, oltre 400mila occupati negli ultimi 5 mesi".

Il nuovo Palazzetto dello sport, che avrà una capienza tra i 6mila e gli 8mila posti, si caratterizzerà infatti per essere un’opera totalmente sostenibile e accessibile, come accennato da Simone Carrucciu del Comitato Italiano Paralimpico: “La Sardegna è una terra sempre più olimpica e paralimpica. La struttura permetterà finalmente di poter ospitare manifestazioni paralimpiche di grandi dimensioni”.

Andrea Abodi, Christian Solinas, foto Sardegnagol riproduzione riservata
Angelo Binaghi, Andrea Abodi, Christian Solinas, foto Sardegnagol riproduzione riservata

La gara per il nuovo Palasport, come è stato evidenziato nel corso della conferenza stampa da Daniele Nepi, Direttore Generale di Sport e Salute, il braccio operativo del Ministero dello Sport, “dovrà essere completata entro il 31 marzo 2023, mentre la struttura dovrà essere completata entro il 2026”. “Cercheremo di centrare l’obiettivo e di non deludere il Ministero e la stessa Regione Sardegna”.

LEGGI ANCHE:  Italiani all'estero, il punto della Corte dei Conti sulla gestione 2017-2020 del fondo per la tutela dei rapporti commerciali.

Guardando al finanziamento dell’opera, il progetto – che si inserisce in quello più ampio di riqualificazione del quartiere – costa 25 milioni di euro di cui 11,5 milioni finanziati a valere sulle risorse del PNRR e 13,5 dalla Regione che con la legge Omnibus ha dato copertura finale alla realizzazione della struttura (il palazzetto dovrà essere realizzato entro il 2026, in linea con le tempistiche del PNRR). Le risorse sono state stanziate appunto con l’ultima variazione di bilancio e sono spalmate sul triennio 22-24: ai 2.750.000 del 2022 si aggiungono i 4.725.000 del 2023 e i 6.025.000 del 2024.