Nasce in Umbria l’Academy per aspiranti giornalisti pubblicisti sportivi.

Con la firma del protocollo di intesa fra CONI, Ordine Giornalisti dell’Umbria, Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e USSI Umbria nasce la prima “Academy del Giornalismo” per aspiranti giornalisti pubblicisti sportivi. Il percorso formativo, proposto a dieci under trenta attraverso una selezione pubblica, durerà due anni e prevede la partecipazione a moduli formativi teorici e pratici sulla professione giornalistica, l’approfondimento della cronaca sportiva sui “campi” di gioco, oltre alla produzione di articoli giornalistici retribuiti che consentiranno di espletare la pratica biennale necessaria per l’iscrizione all’elenco pubblicisti.

Il bando di selezione verrà pubblicato a gennaio 2023 sul sito internet di Villa Umbra (www.villaumbra.it) e l’avvio del progetto formativo è previsto per il mese di marzo.

“Si tratta di una novità assoluta – afferma Mino Lorusso, presidente dell’Ordine dei Giornalisti dell’Umbria -. Per la prima volta sarà l’Ordine a favorire l’accesso alla professione di futuri giornalisti pubblicisti, garantendo un percorso biennale formativo, che sappia coniugare le capacità individuali alla narrazione dei territori. Il Coni e Giovanni Malagò – prosegue – hanno creduto nel progetto. Ci sono tutte le condizioni per trasformare il modello umbro in progetto nazionale ed estenderlo anche ad altri settori, come la pubblica amministrazione, il mondo del volontariato, della cultura e, non ultimo, della giustizia”.

LEGGI ANCHE:  Mulinu Becciu: riaperto al pubblico il piccolo Parco di via Giotto.

La firma del protocollo è avvenuta lo scorso 22 dicembre alla presenza del presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò: “Un progetto innovativo e di alto profilo formativo che trova nel sottoscritto e in tutto il CONI un sostegno importante. Mi commuove vedere come tanti giovani talentuosi rischino di disperdersi a causa della precarietà sia nella loro vita quotidiana sia nelle loro prospettive future. Tutto questo fa riflettere – prosegue Malagò – circa le dinamiche interne alla professione giornalistica e al suo sviluppo, in particolare nel settore sportivo. Ce la stiamo mettendo davvero tutta per dare impulso e stimoli, coinvolgendo quanto più possibile e in tutti i contesti, attraverso le università, le fondazioni e le federazioni territoriali perché – conclude il presidente del CONI – abbiamo davvero bisogno di giovani professionisti qualificati e appassionati che sappiano narrare tutti gli sport”.

LEGGI ANCHE:  Commissioni Attività produttive e Lavoro in seduta congiunta: audizione di sindacato e ordine dei giornalisti.

La Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, partner e ente promotore del progetto insieme all’ODG Umbria e USSI Umbria, sarà il centro organizzativo delle attività formative: “Ci sta a cuore la formazione in tutte le sue declinazioni e ci stanno a cuore i giovani – esordisce l’amministratore unico, Marco Magarini Montenero -. L’Academy del Giornalismo è un progetto che abbiamo sviluppato ai nostri partner, perché crediamo che ogni attività formativa debba offrire una concreta opportunità di incisione e cambiamento delle realtà. Lo sport, come tutte le attività che toccano la vita dei cittadini direttamente o indirettamente, è un bene pubblico. Per questo, Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica farà la sua parte mettendo a disposizione il proprio bagaglio di competenze in ambito formativo e le proprie strutture editoriali e multimediali per permettere a questi giovani di sperimentarsi nella pratica giornalistica”.

LEGGI ANCHE:  Giornalismo, multati due siti di informazione per pubblicazione illecita dati minori.

Foto di Robert Owen-Wahl da Pixabay