Accoglienza profughi ucraini. Attivo a breve lo strumento di sostegno tecnico per nove Stati UE.

La Commissione metterà a disposizione le proprie competenze tecniche per aiutare i nove Stati membri* (che hanno presentato la richiesta di sostegno), ad accogliere le persone in fuga dalla guerra in Ucraina.

Competenze, ricordano dalla Commissione, fornite nell’ambito dello strumento di sostegno tecnico (SST) per sostenere i Paesi UE ad assorbire i fondi destinati all’accoglienza e integrazione dei profughi, nonché facilitare il riconoscimento delle qualifiche e dei diplomi dei rifugiati ucraini e migliorare il coordinamento interministeriale. Un’azione, in particolare, decisa per migliorare la capacità delle amministrazioni nazionali nella fornitura dei servizi di integrazione e di inclusione lavorativa dei cittadini Ucraini, come ricordato dalla Commissaria per la Coesione Elisa Ferreira: ““L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha innescato una crisi umanitaria gravissima. È nostro dovere aiutare le persone in fuga dalla guerra che cercano sicurezza nell’UE. Questo significa dare loro accesso ad alloggio, istruzione, assistenza sanitaria e occupazione. Con lo strumento di sostegno tecnico – conclude l’esponente dell’Esecutivo von der Leyen – la Commissione europea sostiene gli Stati membri affinché questo avvenga in modo agevole e rapido”.

LEGGI ANCHE:  Biossido di titanio. Quanto sono sicure le nostre mascherine?

* Belgio, Repubblica Ceca, Cipro, Francia, Grecia, Italia, Polonia, Romania e Slovacchia.

foto Copyright European Parliament 2020 – Source EP/ Riccardo Pareggiani