Un corso gratuito per diventare arbitro di calcio.

Sono aperte le iscrizioni al corso gratuito per diventare arbitro di calcio organizzato dalla sezione di Cagliari dell’AIA. Il percorso formativo è rivolto a giovani di età tra i 15 e i 34 anni. Durante le ore di lezione verranno spiegate le regole dello sport più amato d’Italia con l’ausilio del regolamento del gioco del calcio, che verrà consegnato ad ogni iscritto, e tramite immagini video che permetteranno di analizzare diversi casi. 

Coloro che supereranno l’esame diventeranno ufficialmente Arbitri dell’Associazione Italiana Arbitri FIGC e cominceranno ad arbitrare nella prima categoria dell’arbitraggio, i ‘Giovanissimi’, a partire dalle domeniche successive.  Il conseguimento del corso è subordinato al superamento di tre prove, una scritta, una orale ed una pratica. I partecipanti che supereranno con esito positivo gli esami finali conseguiranno la qualifica di Arbitro Effettivo dell’AIA. Riceveranno il materiale necessario per svolgere l’attività di arbitraggio, consistente in una divisa ufficiale, taccuino, fischietti e una Tessera Federale personalizzata con nome, cognome e codice meccanografico. Grazie a quest’ultima, gli Arbitri potranno, inoltre, entrare gratuitamente in tutti gli stadi d’Italia, in occasione delle manifestazioni organizzate dalla F.I.G.C. a livello nazionale, quindi serie A, B, Lega Pro, ecc.

LEGGI ANCHE:  La UEFA incontra i segretari delle federazioni europee.

Il corso darà, infine, un ulteriore vantaggio agli studenti delle scuole superiori, che potranno acquisire dei crediti formativi validi per il conseguimento del Diploma di scuola media superiore grazie alla qualifica acquisita. L’attività di arbitraggio , infine, prevede l’erogazione di un rimborso spese, in relazione sia alla trasferta che alla prestazione sportiva.

I nuovi fischietti inizieranno la loro attività arbitrando nella categoria provinciale “Giovanissimi”. Durante le prime gare, saranno accompagnati da un Tutor che insegnerà loro il disbrigo delle pratiche burocratiche e la parte referendaria del dopo gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.