Talenti e competenze. La Commissione propone nuove misure per porre fine al mismatch.

La Commissione europea ha presentato oggi un nuovo pacchetto sulla mobilità delle competenze per rendere l’UE più attraente per i talenti locali e quelli provenienti da Paesi terzi.

Le carenze di competenze persistono in tutta l’UE, in una serie di settori e a vari livelli di competenze. L’impegno dell’UE per colmare le carenze di manodopera inizia a livello nazionale: con sforzi incessanti per migliorare le competenze, riqualificarsi e utilizzare il potenziale non sfruttato della forza lavoro nazionale dell’UE a vantaggio del mercato unico. Ma per far fronte alle carenze che affliggono gli Stati membri, l’UE dovrà anche attrarre competenze e talenti da tutto il mondo. Affinché questo approccio abbia successo, l’UE deve essere in grado di attrarre talenti e trattenere i talenti necessari. Sviluppare la cooperazione in materia di migrazione di manodopera con partner di paesi terzi può anche rappresentare un vantaggio reciproco, che alimenta competenze e sostegno finanziario nell’economia del Paese di origine.

La Commissione propone di istituire un pool di talenti dell’UE per facilitare l’assunzione di persone in cerca di lavoro provenienti da Paesi terzi in occupazioni che presentano carenze a livello dell’UE. Si tratta di una misura innovativa, la prima piattaforma UE di questo tipo, che rende il reclutamento internazionale più semplice e veloce, per aiutare i datori di lavoro ad accedere a un bacino più ampio di competenze e talenti. La partecipazione al Talent Pool dell’UE sarà volontaria per gli Stati membri, che sosterranno la gestione della piattaforma. Fornirà inoltre informazioni sulle procedure di reclutamento e migrazione negli Stati membri e comprende forti garanzie per garantire condizioni di reclutamento e di lavoro eque.

LEGGI ANCHE:  Medio Oriente: il ruolo dell'Europa dopo il cessate il fuoco.

Il pool di talenti dell’UE sosterrà inoltre l’attuazione dei partenariati di talenti. Si tratta di partenariati su misura con Paesi terzi, che forniscono mobilità per lavoro o formazione. Le persone in cerca di lavoro che hanno sviluppato le proprie competenze nell’ambito di una Talent Partnership riceveranno un Talent Partnership Pass, visibile ai datori di lavoro partecipanti, che certifica le loro qualifiche. È probabile che le opportunità di migrazione legale disincentivino la migrazione irregolare e debbano andare di pari passo con una cooperazione rafforzata in materia di riammissione.  

“Il nostro impegno per colmare i divari del mercato del lavoro – spiega Margaritis Schinas, Vicepresidente per la Promozione del nostro stile di vita europeo – deve iniziare a livello nazionale, con misure robuste a sostegno della forza lavoro nazionale. Ma la migrazione della manodopera può essere un importante mezzo complementare per colmare i divari persistenti. Il nuovo pool di talenti dell’UE rappresenterà un punto di svolta: la prima piattaforma a livello europeo che mette direttamente in contatto i datori di lavoro nell’UE con le persone in cerca di lavoro di tutti i livelli di competenza, in tutto il mondo”.

Facilitare il riconoscimento delle qualifiche e la convalida delle competenze acquisite nei paesi terzi è un fattore chiave per i datori di lavoro che cercano lavoratori qualificati e per i cittadini di Paesi terzi che cercano l’accesso al mercato del lavoro dell’UE, nonché la loro integrazione nelle società ospitanti.

LEGGI ANCHE:  Media, giornalisti e Stati membri fanno il punto sulla sicurezza dei giornalisti.

La Commissione raccomanda poi una serie di misure per semplificare e accelerare il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche dei cittadini di Paesi terzi. Queste misure modernizzerebbero l’attuale sistema di riconoscimento dell’UE e lo avvicinerebbero al sistema istituito per i cittadini dell’UE che si trasferiscono in un altro Stato membro.

La Commissione propone, altresì, di fissare nuovi obiettivi ambiziosi per il 2030: aumentare la quota di esperienza di mobilità almeno al 25% per i diplomati dell’istruzione superiore , almeno al 20% per gli studenti con minori opportunità e almeno al 15% per i discenti professionali . La proposta promuove inoltre l’attrattiva dell’UE come destinazione di apprendimento per i talenti provenienti da Paesi terzi, in linea con la dimensione geopolitica dello Spazio europeo dell’istruzione.

La proposta della Commissione per un pool di talenti dell’UE sarà ora negoziata dal Parlamento europeo e dal Consiglio. La Commissione sosterrà l’attuazione da parte degli Stati membri della raccomandazione sul riconoscimento delle qualifiche dei cittadini di paesi terzi e li inviterà a riferire su iniziative nazionali, riforme, buone pratiche e statistiche. La raccomandazione “L’Europa in movimento” sarà presentata al Consiglio per l’esame e l’adozione.

L’UE, al momento, si trova ad affrontare una persistente carenza di manodopera in una varietà di settori a tutti i livelli di qualificazione. Il tasso di disoccupazione rimane basso (6,0% nel settembre 2023) e il tasso di posti di lavoro vacanti è salito al 2,9% lo scorso anno, più del doppio del livello del 2012. Il cambiamento demografico aggraverà le sfide del mercato del lavoro. Nell’UE la popolazione in età lavorativa diminuirà da 265 milioni nel 2022 a 258 milioni nel 2030. Senza un’azione concertata, le tendenze attuali possono minare le transizioni verde e digitale, smorzare la competitività dell’UE e indebolire i servizi pubblici in settori già confrontati con una carenza di lavoratori, come l’assistenza sanitaria e l’assistenza a lungo termine.

LEGGI ANCHE:  Centeno incontra i deputati del PE

L’incontro tra offerte di lavoro a livello internazionale rimane complesso e costoso sia per i cittadini di paesi terzi che per i datori di lavoro. La mancanza di comprensione e di fiducia da parte dei datori di lavoro nelle competenze e nelle qualifiche acquisite nei paesi terzi costituisce un ostacolo significativo alla mobilità dei talenti e delle competenze. Ciò non solo influisce sull’attrattiva dell’UE, ma porta anche a uno “spreco di cervelli”, con i cittadini di paesi terzi che spesso lavorano al di sotto del loro livello di qualifica.

Sebbene la mobilità per l’apprendimento sia un’esperienza di grande valore per le persone che desiderano acquisire conoscenze e competenze necessarie per lo sviluppo personale, educativo e professionale, nonché per l’impegno civico e l’inclusione sociale, la percentuale di europei che partecipano ad un’attività di apprendimento in un paese diverso dal proprio è ancora basso.