Energia: le nuove proposte della Commissione UE.

La Commissione europea ha proposto oggi il nuovo regolamento di emergenza per affrontare l’aumento dei prezzi del gas e assicurarne l’approvvigionamento nel prossimo inverno. Nell’ottica dell’Esecutivo von der Leyen, ciò dovrebbe avvenire attraverso l’acquisto congiunto di gas, meccanismi di limitazione dei prezzi sulla borsa del gas TTF e con le nuove misure sull’uso trasparente delle infrastrutture.

Tra gli elementi principali del regolamento spiccano l’aggregazione della domanda UE e l’acquisto congiunto di gas per negoziare prezzi migliori e ridurre il rischio che gli Stati membri si superino a vicenda sul mercato globale, garantendo nel contempo la sicurezza dell’approvvigionamento in tutta l’UE; la creazione di un nuovo benchmark di prezzo del GNL entro marzo 2023 e, ancora un collar o bandwith temporaneo per prevenire picchi di prezzo estremi  nei mercati dei derivati. Infine, sono previste regole per incentivare la solidarietà tra Stati membri in caso di carenza di approvvigionamento, estendendo l’obbligo di solidarietà agli Stati membri senza collegamento diretto di gasdotti.

Azioni che, nella visione della Commissione, dovrebbero migliorare la stabilità sui mercati del gas nel prossimo inverno. La Commissione, ancora, ha annunciato una possibile revisione del quadro temporaneo di crisi degli aiuti di Stato alla fine del mese per limitare l’impatto dei prezzi elevati del gas sui prezzi dell’elettricità.

Inoltre, la Commissione effettuerà una valutazione delle necessità su REPowerEU per accelerare la transizione verso l’energia pulita ed evitare la frammentazione nel mercato unico, al fine di presentare proposte per rafforzare la potenza finanziaria dell’UE per REPowerEU . La Commissione propone inoltre un uso mirato e flessibile dei finanziamenti della politica di coesione per affrontare l’impatto dell’attuale crisi energetica su cittadini e imprese, utilizzando fino al 10% della dotazione nazionale totale per il periodo 2014-2020, per un valore di quasi 40 miliardi di euro .

LEGGI ANCHE:  Tutela dei giornalisti in UE: l'arresto di Pablo Gonzàlez in Polonia.

Nei prossimi tempi dovrebbe anche essere identificato un fornitore di servizi per l’organizzazione dell’aggregazione della domanda a livello dell’UE, raggruppando le esigenze di importazione di gas e cercando offerte sul mercato che soddisfino la domanda. Gli acquisti congiunti aiuteranno gli Stati membri più piccoli e in particolare le imprese, che si trovano in una situazione meno favorevole come acquirenti, ad accedere ai volumi di gas a condizioni migliori. 

Il regolamento prevede anche disposizioni volte a rafforzare la trasparenza degli acquisti di fornitura di gas previsti e conclusi , al fine di valutare il raggiungimento degli obiettivi di sicurezza dell’approvvigionamento e di solidarietà energetica.  La Commissione dovrebbe essere informata prima della conclusione di qualsiasi acquisto di gas o protocollo d’intesa superiore a un volume di 5 TWh (poco più di 500 milioni di metri cubi).

Sebbene i prezzi all’ingrosso siano diminuiti dal picco dell’estate 2022, rimangono insostenibili per un numero crescente di europei. Da qui la proposta della Commissione per un intervento più mirato sui prezzi del gas. La Commissione sta pertanto sviluppando un nuovo parametro di prezzo complementare con ACER. Il nuovo benchmark fornirà prezzi stabili e prevedibili per le transazioni di GNL. Ai sensi della proposta di regolamento, la Commissione incaricherà l’ACER di creare uno strumento di valutazione quotidiana dei prezzi e, successivamente, un parametro di riferimento che potrebbe essere utilizzato dagli operatori del mercato dell’energia per indicizzare il prezzo nei loro contratti di gas.

Durante lo sviluppo di questo parametro di riferimento, la Commissione propone di mettere in atto un meccanismo per limitare i prezzi tramite la principale borsa del gas europea, la TTF , da attivare quando necessario. Il meccanismo di correzione del prezzo stabilirebbe, su base temporanea, un limite di prezzo dinamico per le operazioni sul TTF. Nel TTF non sarebbero consentite transazioni a un prezzo superiore al limite dinamico. Ciò contribuirà a evitare un’estrema volatilità e prezzi eccessivi. Inoltre, per limitare l’eccessiva volatilità dei prezzi e prevenire picchi di prezzo estremi nei mercati dei derivati ​​energetici, la Commissione propone di introdurre un nuovo collare di picchi di prezzo infragiornaliero temporaneo che sarà stabilito dalle borse di derivati ​​dell’UE. Questo meccanismo proteggerà gli operatori energetici da ampi movimenti di prezzo infragiornalieri.

LEGGI ANCHE:  Energia e turismo. Via libera della quinta Commissione.

Per alleviare i problemi di liquidità molte società energetiche devono attualmente soddisfare i propri requisiti di margine quando utilizzano i mercati dei derivati, la Commissione ha adottato oggi nuove regole per i partecipanti al mercato, ampliando l’elenco delle garanzie idonee su base temporanea a garanzie non monetarie, comprese le garanzie statali. In secondo luogo, la Commissione ha adottato nuove regole che aumentano la soglia di compensazione da 3 miliardi di euro a 4 miliardi di euro. Al di sotto di questa soglia, le società non finanziarie non saranno soggette a requisiti di margine sui loro derivati ​​OTC (over-the-counter). Entrambe queste misure forniranno il tanto necessario sollievo alle aziende, pur mantenendo la stabilità finanziaria. 

Poiché non tutti gli Stati membri hanno messo in atto i necessari accordi bilaterali di solidarietà , la Commissione propone di stabilire regole predefinite. Ciò garantirà che qualsiasi Stato membro che si trova ad affrontare un’emergenza riceverà gas da altri in cambio di un equo compenso. L’ obbligo di solidarietà sarà esteso agli Stati membri non collegati con impianti GNL a condizione che il gas possa essere trasportato nello Stato membro dove è necessario. Per ottimizzare l’uso del GNL e delle infrastrutture dei gasdotti, la Commissione propone nuovi strumenti per fornire informazioni sulla capacità disponibile e nuovi meccanismi per garantire che la capacità non sia prenotata e lasciata inutilizzata dagli operatori del mercato.

LEGGI ANCHE:  Guerra in Ucraina: le conseguenze per l'agroalimentare italiano.

La situazione del mercato energetico è notevolmente peggiorata dall’invasione russa dell’Ucraina e dall’ulteriore armamento delle sue risorse energetiche per ricattare l’Europa, il che ha esacerbato una situazione di approvvigionamento già difficile dopo la pandemia di Covid-19. Poiché la Russia ha continuato a manipolare le forniture di gas, interrompendo le consegne in Europa, i mercati sono diventati più tesi. La Commissione ha pertanto ampliato lo strumento dei prezzi dell’energia nella primavera del 2022 con la comunicazione sugli interventi sul mercato a breve termine e sui miglioramenti a lungo termine della concezione del mercato dell’energia elettrica e il piano REPowerEU . La Commissione ha proposto poi nuovi obblighi minimi di stoccaggio del gas e obiettivi di riduzione della domanda di gas per facilitare l’equilibrio tra domanda e offerta in Europa.

“La guerra della Russia all’Ucraina ha gravi conseguenze sui mercati energetici globali ed europei – ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen -. Agiamo uniti e ci siamo preparati bene per l’inverno che ci aspetta, riempiendo i nostri depositi di gas, risparmiando energia e trovando nuovi fornitori. Ora possiamo affrontare i prezzi eccessivi e volatili con maggiore sicurezza. Introdurremo un meccanismo temporaneo per limitare i prezzi eccessivi questo inverno, mentre sviluppiamo un nuovo benchmark in modo che il GNL sia scambiato a un prezzo più equo. Forniamo strumenti legali per l’acquisto congiunto di gas nell’UE, garantiamo la solidarietà nella sicurezza dell’approvvigionamento per tutti gli Stati membri e negoziamo con i nostri fornitori di gas affidabili per garantire gas a prezzi accessibili. Ma – prosegue – dobbiamo anche accelerare gli investimenti nelle energie rinnovabili e nelle infrastrutture”.

foto Denis Lomme Copyright: © European Union 2022 – Source : EP