Sviluppo e turismo, Sorgia: “Il volontariato aiuta il progresso locale”

Numerosi rappresentanti del Comune di Cagliari, sede della manifestazione Connessioni ’19, hanno espresso il loro entusiasmo per l’iniziativa promossa dal Comitato delle Associazioni Sarde per la Mobilità Internazionale. A salutare gli organizzatori e il pubblico in sala l’Assessore alle Attività Produttive, Alessandro Sorgia e il Presidente del Consiglio Comunale, Edoardo Tocco.

“Cagliari è la città più bella del mondo – ha affermato Alessandro Sorgia – e il mondo dell’associazionismo nella mia città ha un ruolo sussidiario per le imprese e per la creazione di sinergie e sviluppo. Sono felice di essere qui con tante rappresentazioni del mondo del volontariato sardo. Il nostro comune sta portando avanti nuovi progetti che potrebbero coinvolgere alcune delle associazioni presenti. Mi riferisco all’ITI Is Mirrionis , un progetto finalizzato a creare sviluppo nel quartiere di Is Mirrionis e rigenerare la comunità di questo grande quartiere. Spero di poter proporre questo progetto anche per altri quartieri. A breve, inoltre, prevediamo di chiudere con il prossimo bando De Minimis nel Comune di Cagliari. Come Giunta Comunale daremo tutta la nostra disponibilità per supportare il lavoro delle numerose organizzazioni di volontariato nel territorio.

LEGGI ANCHE:  Prefettura, legalità. Siglata la convenzione sulle reti di sicurezza.

Edoardo ToccoSul rapporto tra giovani e politica si è incentrato il discorso dell’altro esponente politico del Comune di Cagliari, il Presidente del Consiglio Comunale , Edoardo Tocco: “L’attivismo politico è importante. I giovani devono capire che esiste una politica che crede nella propria finalità di servizio pubblico. Bisogna cercare di superare il qualunquismo e trovare soluzioni per la nostra comunità”.

L’intervento del rappresentante della ‘casa dei cagliaritani’ si è poi rivolto verso il mondo del volontariato: “Il volontariato va sostenuto e io vi ringrazio per l’impegno e la volontà di mettere la vostra professionalità a disposizione di tutti i cittadini. Le organizzazioni del terzo settore devono stare attente all’attività dell’amministrazione pubblica, un po’ come fa il terzino sull’attaccante in una partita di calcio. Il cambiamento richiede tempo. Noi siamo cresciuti nell’ambiente politico e anche voi dovete crescere e continuare a credere nello sviluppo della nostra terra.

LEGGI ANCHE:  Turismo, Nieddu: "Su certificazione nessun dietro front"

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.