Supportare i giovani nelle aree rurali: il Consiglio adotta le conclusioni per gli Stati membri.

Il Consiglio dell’Unione Europea ha adottato, mediante procedura scritta, le conclusioni finalizzate a supportare i giovani nelle zone rurali e remote dell’Unione Europea. Le conclusioni riconoscono che la popolazione dell’UE sta invecchiando, in particolare nelle zone rurali e remote. Una tendenza lesiva verso la coesione sociale e la vitalità dei piccoli comuni dell’Unione Europea, che porta alla necessità di garantire ai giovani residenti nelle aree rurali e remote d’Europa, una migliore disponibilità e accessibilità dei servizi pubblici e commerciali, posti di lavoro, istruzione di qualità, infrastrutture digitali e fisiche, trasporti pubblici e attività per il tempo libero.

Una decisione tardiva ma che apre un nuovo spiraglio per portare al centro dell’agenda politica degli Stati membri dell’Unione la questione giovanile.

LEGGI ANCHE:  Csaba Molnár: "Con il Covid raddoppiato il tasso di disoccupazione giovanile nell'area euro".

Le conclusioni adottate dal Consiglio dell’UE sono per certi versi rivoluzionarie, poichè spronano per la prima volta gli Stati membri verso la promozione di approcci volti a ridurre le disparità tra aree urbane e rurali e a sviluppare misure intersettoriali che riflettano le opinioni e le prospettive dei giovani nelle aree rurali e remote; verso il sostegno all’imprenditorialità, compresa l’imprenditoria sociale, nonché diverse opportunità di lavoro nell’ambito delle attività agricole e di altre attività economiche; e a incoraggiare i giovani a partecipare e rimanere coinvolti nella vita delle comunità locali attraverso i mezzi di cittadinanza attiva, come il volontariato e le attività di solidarietà.

Proprio su questo punto gli Stati membri e la Commissione sono stati invitati a promuovere sinergie tra programmi e iniziative dell’UE come Erasmus +, Corpo europeo di solidarietà, Fondo sociale europeo e Garanzia per i giovani.

LEGGI ANCHE:  Under35: più di 7 milioni vivono ancora con i genitori.

Ma l’invito del Consiglio è stato esteso anche al settore giovanile, attore protagonista dell’animazione giovanile in Europa e dell’attuazione dei programmi europei per i giovani nel territorio, affinchè prosegua l’attività di  sensibilizzazione verso i giovani e la popolazione residente nelle aree rurali e remote per quanto riguarda le opportunità offerte dall’Unione Europea per migliorare la qualità della vita nelle comunità locali.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.