Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Festa dell'Europa: i rappresentanti della Commissione europea a Cagliari. Massimo Temussi: "Nuove opportunità per i giovani sardi". - Sardegnagol

Festa dell’Europa: i rappresentanti della Commissione europea a Cagliari. Massimo Temussi: “Nuove opportunità per i giovani sardi”.

Contrastare i tecnicismi e trasferire le informazioni sulle numerose opportunità provenienti dall’UE a sostegno dello sviluppo locale. Queste le coordinate indicate oggi dal direttore del Centro regionale di programmazione, Massimo Temussi, nel corso delle celebrazioni della Festa dell’Europa: “Stiamo cercando di aumentare la nostra comunicazione verso i giovani e, guardando al quadro complessivo, miriamo a creare opportunità per sostenere lo sviluppo della Sardegna e metterla al passo con l’Europa. Attraverso le linee guida della Giunta regionale – prosegue – stiamo cercando di seguire alcuni particolari cluster: ricerca e innovazione, digitale, sostenibilità energetica e cultura”.

Nel corso dell’evento, tenutosi nell’Ex Manifattura Tabacchi, il numero uno del CRP si è rivolto direttamente ai ragazzi e alle ragazze provenienti da tutta l’isola, esortando le nuove generazioni a osare piuttosto che interrogarsi sui limiti legati alla condizione di insularità: “Cerco di portare un pezzettino di Europa, perché gran parte delle vostre opportunità passano da giornate come questa. È importante sottolineare le opportunità non i problemi”. Sull’occupazione nell’Isola Temussi ha poi aggiunto che “le opportunità ci sono e bisogna coglierle”, mentre sull’imminente incontro con il Comitato di Sorveglianza in programma mercoledì a Palazzo Doglio, ha dichiarato che “si prenderà atto del pregresso e si discuterà sul nuovo programma 2021-2027. Una bozza – conferma Temussi – caratterizzata da un elevato tenore partecipativo, rilevato anche dalla stessa Commissione europea”.

Festa dell'Europa, Cagliari 9 maggio 2022 foto Sardegnagol riproduzione riservata
Festa dell’Europa, Cagliari 9 maggio 2022 foto Sardegnagol riproduzione riservata

Guardando al futuro, il numero uno del CRP ha poi anticipato quale sarà l’ammontare del prossimo Fondo Regionale di Sviluppo Europeo, in fase di analisi da parte della Commissione Europea: 1 miliardo e 540 milioni.

LEGGI ANCHE:  DiscoverEU. L'Europa ti aspetta.

La giornata di festa ha poi visto alternarsi sul palco anche i rappresentanti della Commissione Europea. Tutti d’accordo sulla necessità di migliorare il confronto con le nuove generazioni. Per Willybrordus Sluijters, Capo Unità DG Politica Regionale e Urbana della Commissione Europea, in particolare, “la politica di coesione rimane una pietra miliare della costruzione dell’Unione Europea, dato il sostegno per la riduzione del divario fra le diverse regioni europee”.

Intervento proseguito sulla spendita dei finanziamenti europei e sulla peculiarità della Sardegna nell’ambito dello sviluppo green: “La programmazione 21-27 sarà più importante rispetto alla precedente perché avremo molti più soldi da utilizzare, ma dobbiamo muoverci secondo le coordinate tracciate per la transizione verde e digitale. Bisogna, in particolare, ridurre la nostra dipendenza dal fossile e sviluppare la produzione di energie rinnovabili. La Sardegna è un terreno fertile per questo. Per quanto riguarda la transizione digitale – ha aggiunto – sempre più servizi e prodotti si sviluppano su piattaforme digitali. Dobbiamo garantire che quelle piattaforme trovino le infrastrutture necessarie sul territorio. E voi, in quanto ricercatori e innovatori giovani, avete la possibilità di sviluppare quei servizi e quei prodotti. Noi vogliamo aiutare e vogliamo finanziare”.

Massimo Temussi, foto Sardegnagol riproduzione riservata
Massimo Temussi, foto Sardegnagol riproduzione riservata

Successivamente, i giovani partecipanti sono stati coinvolti in una gara di quiz, condotta dallo scrittore Flavio Soriga. A seguire, infine, le premiazioni degli studenti e studentesse del programma ASOC Sardegna, finalizzato a promuovere e sviluppare nelle scuole italiane principi di cittadinanza attiva e consapevole, attraverso attività di ricerca e monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici europei e nazionali.

LEGGI ANCHE:  107° anniversario del genocidio armeno, organizzazioni armene in Italia: "Uniti in un'unica voce".

Nel pomeriggio, ricordano gli organizzatori dell’evento, le celebrazioni continueranno con l’esibizione itinerante, nelle vie del centro cittadino, della Seuinstreet Band.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata