Srpska Repubblica, Borrell: “Pene sproporzionate nella legge sulla diffamazione”.

Continua a destare preoccupazione la tenuta dello Stato di diritto nella Repubblica Srpska, ovvero la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, dove, dopo l’approvazione da parte del Parlamento di Banja Luka, sono entrati in vigore gli emendamenti al codice penale che reintroducono sanzioni penali per la diffamazione.

Cambiamenti legislativi, secondo l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell. che “impongono restrizioni inutili e sproporzionate ai media indipendenti e alla società civile”.

“La legge – ha dichiarato Borrell -, produrrà un grave impatto sulla libertà di espressione e dei media nella Republika Srpska, confermando un passo indietro nella tutela dei diritti fondamentali e andando contro la concessione dello status di candidato all’UE. in particolare nell’ambito della priorità chiave 12”.

LEGGI ANCHE:  Bambini e i giovani, Commissione Ue: "Rendere Internet un luogo più sicuro".

foto Sardegnagol riproduzione riservata