“Sanzioni” alla Russia. La dipendenza dalle importazioni di petrolio ha raggiunto il suo massimo nel 2022.

La dipendenza dalle importazioni dell’UE per l’intera famiglia di petrolio greggio e prodotti petroliferi è salita al nuovo record del 97,7% nel 2022. Aumento, spiegano dall’Eurostat, arrivato dopo un significativo calo della dipendenza dalle importazioni nel 2021 al 91,6%.

La dipendenza dalle importazioni registrata nel 2022 è il risultato di una combinazione di variazioni delle importazioni nette (+9,5%), con le importazioni in aumento del 4,9% e le esportazioni in calo dell’1,7%, e l’energia disponibile lorda in aumento del 2,8%. L’aumento della dipendenza è stato determinato anche da un accumulo di scorte pari a 8,3 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep). L’accumulo ha contribuito a riempire parte del petrolio greggio e del petrolio consumati nel 2021, quando è stato registrato il maggiore utilizzo annuo (20,2 Mtep). Il ripopolamento nel 2022 ha contribuito ad aumentare la dipendenza dalle importazioni.

LEGGI ANCHE:  La spesa dell’UE in ricerca e sviluppo raggiungerà i 352 miliardi di euro nel 2022.

Anche la dipendenza dal petrolio greggio importato, bene primario essenziale per l’industria petrolchimica e la produzione di carburanti per i trasporti, è aumentata nel 2022, raggiungendo il 97,6%. 

La maggiore domanda di carburanti nel settore dei trasporti ha contribuito ad un aumento dell’utilizzo del petrolio greggio. Il consumo di benzina per motori è aumentato del 6,3% e il consumo di carburante per aerei tipo cherosene è aumentato del 32,5% nel 2022 rispetto al 2021.

L’aumento della dipendenza dalle importazioni ha coinciso con notevoli cambiamenti nelle origini delle importazioni. Nel maggio 2022, la Commissione Europea ha implementato il piano REPowerEU per ridurre la propria dipendenza dai combustibili fossili russi. Nel 2022, le importazioni di petrolio e prodotti petroliferi dalla Russia sono diminuite di 24,57 milioni di tonnellate. Questa diminuzione è stata compensata dall’aumento delle importazioni dall’Arabia Saudita, dagli Stati Uniti e dalla Norvegia. 

LEGGI ANCHE:  Una seconda opportunità contro l'insolvenza degli imprenditori

Nel 2022, la produzione di petrolio greggio nell’UE ha continuato a diminuire, nonostante un aumento significativo dei prezzi del greggio causato dall’aggressione russa contro l’Ucraina. La produzione nel 2022 è crollata al suo punto più basso storico, raggiungendo 16,3 milioni di tonnellate (Mt), in calo del 7,4% rispetto al 2021. Considerando un arco temporale più lungo, la produzione di petrolio greggio è in calo dal 2004, quando raggiunse il picco di 41,8 Mt, con il 2022. valore in calo del 61% rispetto al dato record.

I principali produttori di petrolio dell’UE nel 2022 sono stati l’Italia (4,5 Mt), la Danimarca (3,2 Mt) e la Romania (3,0 Mt). Rispetto al 2021, la produzione è diminuita in tutti e 3 i Paesi: Italia (-8%), Danimarca (-2%) e Romania (-6%).

LEGGI ANCHE:  Lotta al razzismo, Parlamento europeo: "Stop segregazione nelle scuole e xenofobia nei media".

foto Sylvain Thomas European Union, 2012 Copyright Source: EC – Audiovisual Service