Progressisti: “La Regione paghi urgentemente i suoi debiti”.

Famiglie, turismo e crisi economica. Questi i punti alla base dell’attacco del gruppo dei Progressisti alla Giunta Solinas, accusata di inerzia nella sua azione di governo e di incapacità nel dare slancio all’Isola nella fase di ripresa: “Dei 500 milioni di fondi stanziati dalla Regione Sardegna per l’emergenza Covid-19 ne sono stati erogati appena una quarantina, relativi alla prima mensilità del contributo alle famiglie. A questo si aggiunge un ritardo inaudito della Regione nel pagamento dei finanziamenti relativi ai bandi dello scorso anno. Graduatorie valide con centinaia di beneficiari che attendono di ricevere le risorse regionali per attività già svolte durante la scorsa annualità”.

Criticità che si ravvisano anche sullo stato di alcuni procedimenti in capo all’Assessorato al Turismo per il gruppo d’opposizione: “Dal bando per il finanziamento dei centri commerciali naturali, alle liquidazioni della Legge 7/55 relative al bando 2019. Tutto sembra muoversi a rilento, come se l’emergenza economica non esistesse e come se i soggetti in attesa, i loro dipendenti e i loro fornitori, non meritassero attenzione e rispetto. Riguardo proprio alla legge 7, nel mese di Dicembre scorso il Consiglio Regionale, approvando all’unanimità uno specifico emendamento, aveva deciso di finanziare la totalità dei soggetti ammissibili. Da allora poco si è mosso, nonostante siano passati sei mesi e a una gravissima crisi sanitaria ne sia subentrata una economica ancora più drammatica”.

LEGGI ANCHE:  Maria Laura Orrù: "Rifiuti dal Centro-Nord Italia verso la discarica Riverso".

Un’azione di Governo caratterizzata da lentezze procedurali e proclami disattesi per i Progressisti: “Consigliamo alla Giunta regionale di dedicare meno tempo agli annunci a vuoto di nuovi e maestosi finanziamenti anticrisi e più attenzione allo sblocco di quei procedimenti burocratici che ostacolano la spesa regionale già approvata e impediscono a centinaia di soggetti diversi, imprese, associazioni e piccoli comuni di ricevere ciò che gli spetta. Saldare le fatture rimaste in sospeso significa dare ristoro ai professionisti che attendono di essere retribuiti ed evitare ulteriori licenziamenti in tempo di crisi economica. Mai come ora è importante sbloccare le risorse regionali e dare certezze per il futuro, anche in relazione ai bandi 2020 sui quali ad oggi non esiste alcun tipo di certezza fornita dalla Regione.”

LEGGI ANCHE:  Piano Casa, Progressisti: "L'assessore Sanna dovrebbe dimettersi".

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.