Politiche giovanili: 20 milioni di euro per il Servizio civile ambientale.

Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani e la ministra per le Politiche giovanili Fabiana Dadone hanno firmato un protocollo d’intesa per la promozione del “Servizio civile ambientale e per lo sviluppo sostenibile”, che prevede nell’ambito del Servizio civile universale programmi e progetti finalizzati alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica.

Per effetto del protocollo interministeriale, dieci milioni di euro saranno messi a disposizione dal Mite per l’anno 2022 e altri dieci milioni di euro per il 2021 dal Dipartimento per le politiche giovanili.

Con il Programma quadro sperimentale denominato “Servizio civile ambientale e per lo sviluppo sostenibile”, della durata di due anni, si ambisce ad aumentare il numero dei volontari da impiegare in programmi d’intervento su progetti legati all’ambiente; valorizzare sul piano esperienziale le competenze sui temi della green economy, spreco alimentare, energie rinnovabili, economia circolare e sviluppo sostenibile. Una nuova intesa che, secondo i ministeri coinvolti, permetterà di orientare i giovani verso i green jobs e diffondere la cultura della sostenibilità ambientale.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili, Vincenzo De Luca: "No a regali che generano parassitismo".

Foto di bertvthul da Pixabay