Le micro e piccole imprese dell’UE impiegano 75,8 milioni di persone.

Nel 2021, l’UE contava 31 milioni di imprese per un totale di 156 milioni di persone. Di questo totale, il 98% (30,3 milioni) erano micro e piccole imprese, ciascuna delle quali impiegava fino a 49 persone. Nel complesso, come rilevato dall’Eurostat, le micro e piccole imprese impiegavano 75,8 milioni di persone, ovvero il 49% del numero totale di tutti gli occupati nelle imprese. Hanno generato 3.300 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 35% del valore aggiunto totale (9.300 miliardi di euro). 

Le 240.000 imprese di medie dimensioni (50-249 dipendenti) rappresentavano lo 0,8% del totale delle imprese e impiegavano 24,0 milioni di persone, registrando un valore aggiunto di 1,6 trilioni di euro (17%). 

LEGGI ANCHE:  Pnrr, Raffaele Fitto: "E' rispettato il vincolo del 40% della spesa per il Sud?".

Anche se le grandi imprese (più di 249 dipendenti) rappresentano solo lo 0,2% del numero totale delle imprese, impiegano più di un terzo della forza lavoro aziendale (55,6 milioni, 36%) e generano quasi la metà (48%) del valore aggiunto (4,4 trilioni di euro).

Secondo i dati, il settore “industria” è stato quello con il maggior fatturato nel 2021. Ha generato un terzo del fatturato (10,6 trilioni di euro, 33%) e ha impiegato circa un quinto della forza lavoro delle imprese (33,0 milioni persone, 21%). Tuttavia, in termini di numero di imprese, era il settore più piccolo con solo l’8% (2,4 milioni) del numero totale di imprese. 

LEGGI ANCHE:  Clima: i colegislatori Ue trovano l'accordo sulle certificazioni per la rimozione del carbonio.

Con 5,9 milioni di imprese, il settore del commercio rappresenta il 19% del totale. I 29,5 milioni di occupati generano il 31% (9,9 trilioni di euro) del fatturato totale. 

Il settore “costruzioni” rappresenta il 12% del numero totale delle imprese ma solo il 6% (1.900 miliardi di euro) del fatturato totale. Questo settore contava 13,4 milioni di dipendenti. 

Gli “altri servizi”, comprese le aziende che operano in una varietà di servizi, dal “trasporto e deposito” alle “attività di servizi di alloggio e ristorazione”, “istruzione”, “attività sanitarie e di assistenza sociale” e “arte, intrattenimento e ricreazione”, rappresentano il maggior numero di imprese, il 61% del totale (19,0 milioni di imprese). E sebbene queste imprese impiegassero quasi la metà dei dipendenti (80,2 milioni, 51%), il fatturato è stato inferiore a un terzo (9,8 trilioni di euro, 31%).

LEGGI ANCHE:  Urpilainen in Africa per il lancio del piano d'azione dell'UE per la gioventù.

foto StockSnap da pixabay.com