Le micro e piccole imprese dell’UE impiegano 75,8 milioni di persone.

Nel 2021, l’UE contava 31 milioni di imprese per un totale di 156 milioni di persone. Di questo totale, il 98% (30,3 milioni) erano micro e piccole imprese, ciascuna delle quali impiegava fino a 49 persone. Nel complesso, come rilevato dall’Eurostat, le micro e piccole imprese impiegavano 75,8 milioni di persone, ovvero il 49% del numero totale di tutti gli occupati nelle imprese. Hanno generato 3.300 miliardi di euro di valore aggiunto, pari al 35% del valore aggiunto totale (9.300 miliardi di euro). 

Le 240.000 imprese di medie dimensioni (50-249 dipendenti) rappresentavano lo 0,8% del totale delle imprese e impiegavano 24,0 milioni di persone, registrando un valore aggiunto di 1,6 trilioni di euro (17%). 

LEGGI ANCHE:  Certificato COVID digitale: la Commissione adotta la seconda relazione sull' impatto. Rilasciati 1,7 miliardi di certificati nell'UE. Proposta di proroga fino al 30 giugno 2023.

Anche se le grandi imprese (più di 249 dipendenti) rappresentano solo lo 0,2% del numero totale delle imprese, impiegano più di un terzo della forza lavoro aziendale (55,6 milioni, 36%) e generano quasi la metà (48%) del valore aggiunto (4,4 trilioni di euro).

Secondo i dati, il settore “industria” è stato quello con il maggior fatturato nel 2021. Ha generato un terzo del fatturato (10,6 trilioni di euro, 33%) e ha impiegato circa un quinto della forza lavoro delle imprese (33,0 milioni persone, 21%). Tuttavia, in termini di numero di imprese, era il settore più piccolo con solo l’8% (2,4 milioni) del numero totale di imprese. 

LEGGI ANCHE:  Consiglio per la Comunità Armena di Roma. La nostra risposta all'Ambasciatore azero in Italia: "Bugie e negazionismo".

Con 5,9 milioni di imprese, il settore del commercio rappresenta il 19% del totale. I 29,5 milioni di occupati generano il 31% (9,9 trilioni di euro) del fatturato totale. 

Il settore “costruzioni” rappresenta il 12% del numero totale delle imprese ma solo il 6% (1.900 miliardi di euro) del fatturato totale. Questo settore contava 13,4 milioni di dipendenti. 

Gli “altri servizi”, comprese le aziende che operano in una varietà di servizi, dal “trasporto e deposito” alle “attività di servizi di alloggio e ristorazione”, “istruzione”, “attività sanitarie e di assistenza sociale” e “arte, intrattenimento e ricreazione”, rappresentano il maggior numero di imprese, il 61% del totale (19,0 milioni di imprese). E sebbene queste imprese impiegassero quasi la metà dei dipendenti (80,2 milioni, 51%), il fatturato è stato inferiore a un terzo (9,8 trilioni di euro, 31%).

LEGGI ANCHE:  Erasmus+ 2023: la Commissione aumenta il bilancio annuale a 4,43 miliardi di euro.

foto StockSnap da pixabay.com