Portafoglio di identità digitale dell’UE: sì dalla Commissione Ue.

La Commissione europea ha accolto con favore l’accordo finale raggiunto ieri dal Parlamento europeo e dal Consiglio dell’UE in occasione del trilogo finale sul regolamento che introduce il portafoglio europeo di identità digitale. L’accordo conclude il lavoro dei colegislatori volto ad attuare i risultati dell’accordo politico provvisorio raggiunto il 29 giugno 2023 su un quadro giuridico per un’identità digitale europea, il primo quadro per un’identità digitale affidabile e sicura per tutti gli europei.

Si tratta di un altro passo avanti nel raggiungimento degli obiettivi del decennio digitale 2030 relativi alla digitalizzazione dei servizi pubblici. A tutti i cittadini dell’UE sarà offerta la possibilità di disporre di un portafoglio di identità digitale per accedere ai servizi pubblici e privati online in completa sicurezza e protezione dei dati personali in tutta l’Unione.

LEGGI ANCHE:  La road map della Commissione Ue contro la criminalità organizzata.

L’accordo raggiunto dai colegislatori deve ora essere formalmente approvato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Una volta adottato formalmente, il quadro per un’identità digitale europea entrerà in vigore il 20º giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale.

Gli Stati membri dovranno fornire i portafogli europei di identità digitale ai loro cittadini 24 mesi dopo l’adozione degli atti di esecuzione che stabiliscono le specifiche tecniche per il portafoglio stesso e per la certificazione. Tali atti di esecuzione, che saranno adottati 6 e 12 mesi dopo l’adozione del regolamento, si baseranno sulle specifiche elaborate nell’ambito del pacchetto di strumenti per l’identità digitale dell’UE, definendo così condizioni armonizzate per l’attuazione dei portafogli in tutta Europa. 

LEGGI ANCHE:  EMA, Vincenzo Sofo: "Come viene assicurata l'autonomia di giudizio dell'Agenzia europea per i medicinali?".