L’apprendimento delle lingue straniere aumenta tra gli studenti dell’UE.

La maggior parte degli alunni dell’istruzione primaria e secondaria nell’UE studia almeno una lingua straniera: nel 2021, questa era costituita dall’86,3% degli alunni dell’istruzione primaria, dal 98,5% degli studenti dell’istruzione secondaria inferiore e dal 91,0% degli studenti dell’istruzione secondaria superiore.

Nel 2021, il 61,0% degli studenti dell’istruzione secondaria superiore generale ha studiato due o più lingue straniere come materie obbligatorie o come opzioni curriculari obbligatorie, +2,6% rispetto al 2013 (58,4%). Nell’istruzione secondaria superiore professionale, questa quota era del 34,9%, +0,8% rispetto al 2013 (34,1%). 

In Lussemburgo e Francia, tutti gli studenti dell’istruzione secondaria superiore generale hanno studiato due o più lingue straniere. Anche Repubblica Ceca, Romania e Slovacchia hanno registrato un’ampia percentuale di studenti che studiano due o più lingue (tutti pari al 99%). Questi paesi dell’UE sono stati seguiti da vicino da Estonia (97%), Slovenia e Finlandia (entrambi al 96%). 

LEGGI ANCHE:  Summit UE. Il Parlamento europeo riceve Charles Michel.
Grafico a barre: studenti che studiano due o più lingue straniere nell'UE, % di studenti dell'istruzione secondaria superiore generale e professionale, 2021
Immagine, copyright Eurostat

Per quanto riguarda l’istruzione professionale secondaria superiore, la Romania è stato l’unico paese dell’UE in cui quasi tutti gli studenti (97%) hanno studiato due o più lingue straniere nel 2021. Seguono la Finlandia (82%), con la Polonia (77%) e il Lussemburgo (75% ) prossimamente. 

Nel 2021, l’inglese era la lingua straniera più studiata a livello di istruzione secondaria superiore generale e professionale nell’UE, con il 96,8% e il 78,6% degli studenti che la studiavano, rispettivamente. 

In termini di istruzione generale, lo spagnolo è al secondo posto (26,8%), seguito da francese (22,3%), tedesco (21,8%) e italiano (3,2%). Inoltre, il russo è stata la lingua extra-Ue più studiata nell’Ue (2,8%), soprattutto in Estonia (66%) e Lettonia (59%), seguita da Lituania (28%) e Bulgaria (25%).

LEGGI ANCHE:  Lo studio dell'IRE sulla scelta del lavoro dei giovani: "Clima di lavoro fondamentale".

Nella formazione professionale la lingua tedesca è al secondo posto (17,9%), seguita dal francese (16,4%), dallo spagnolo (7,0%) e dal russo (2,2%). In questo caso, il russo è stato imparato soprattutto in Lettonia (42%), Bulgaria (30%) e Cipro (15%).