La Commissione adotta il pacchetto di allargamento 2023.

La Commissione Europea ha adottato oggi il Pacchetto Allargamento 2023 , fornendo una valutazione dettagliata della situazione e dei progressi compiuti da Albania, Bosnia-Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, Turchia e per la prima volta anche Ucraina, la Repubblica di Moldova e la Georgia nei rispettivi percorsi verso l’adesione all’Unione europea. In particolare, il rapporto si concentra sui progressi nell’attuazione delle riforme fondamentali, nonché sulla fornitura di indicazioni chiare sulle priorità di riforma future. “L’adesione è e rimarrà un processo basato sul merito, interamente dipendente dai progressi oggettivi raggiunti da ciascun Paese”, spiegano dalla Commissione europea.

Esecutivo von der Leyen che ha adottato inoltre un nuovo piano di crescita per i Balcani occidentali, con il fine di portare alcuni dei vantaggi dell’adesione alla regione prima dell’adesione, stimolare la crescita economica e accelerare la tanto necessaria convergenza socioeconomica. L’obiettivo dovrebbe essere quello di consentire ai partner di intensificare le riforme e gli investimenti per accelerare significativamente la velocità del processo di allargamento e la crescita delle loro economie. A tal fine è stato proposto un nuovo strumento per la riforma e la crescita da 6 miliardi di euro per i Balcani occidentali per il periodo 2024-2027.

LEGGI ANCHE:  Corte Conti: "Gli aiuti supplementari ai Paesi dei Balcani occidentali vanno protetti meglio".

Il nuovo Piano di Crescita per i Balcani Occidentali si fonda su quattro pilastri , volti a: rafforzare l’integrazione economica con il mercato unico dell’Unione europea, a condizione che i Balcani occidentali si allineino alle regole del mercato unico e aprano contemporaneamente i settori e le aree pertinenti a tutti i loro vicini, in linea con il mercato regionale comune; promuovere l’integrazione economica all’interno dei Balcani occidentali attraverso il mercato regionale comune , basato su norme e standard dell’UE, che potrebbe potenzialmente aggiungere il 10% alle loro economie; accelerare le riforme fondamentali , anche nel settore dei fondamentali, sostenere il percorso dei Balcani occidentali verso l’adesione all’UE, migliorare la crescita economica sostenibile anche attraverso l’attrazione di investimenti esteri e il rafforzamento della stabilità regionale;

LEGGI ANCHE:  Il 22,9% delle imprese dell'UE ha effettuato vendite online nel 2022.

Nell’ambito del piano di crescita, tutti i partner dei Balcani occidentali saranno invitati a preparare un’agenda di riforma basata sulle raccomandazioni esistenti, tra cui il pacchetto annuale di allargamento e i programmi di riforma economica (ERP) dei Paesi. Il presente programma di riforma sarà consultato, valutato e adottato dalla Commissione.

“Con l’adozione odierna del nuovo piano di crescita da 6 miliardi di euro per i Balcani occidentali, stiamo avvicinando le economie dei Balcani occidentali all’UE – ha dichiarato la presidente della Commissione europea Ursula  von der Leyen -. Le potenzialità di questo Piano di Crescita sono straordinarie. Questo piano di crescita potrebbe raddoppiare l’economia dei Balcani occidentali nei prossimi 10 anni. Con la sua combinazione di riforme e investimenti, consentirà ai Balcani occidentali di beneficiare presto di settori chiave del nostro mercato unico, tra cui la libera circolazione di beni, servizi e lavoratori, l’area unica dei pagamenti in euro, i trasporti, l’energia e il mercato unico digitale”.

LEGGI ANCHE:  Consiglio UE: ulteriori sanzioni per gravi violazioni dei diritti umani in tutto il mondo.

Spetta ora al Parlamento europeo e al Consiglio esaminare la proposta per lo strumento nel quadro del pacchetto di revisione intermedia del QFP. Una volta adottato, i sei partner dei Balcani occidentali saranno invitati a presentare i propri programmi di riforma individuali, definendo le riforme socioeconomiche e fondamentali che intraprenderanno per stimolare la crescita e la convergenza nell’ambito del Piano di crescita nel periodo 2024-2027. La Serbia e il Kosovo hanno bisogno impegnarsi in modo costruttivo nel dialogo facilitato dall’UE sulla normalizzazione delle relazioni, guidato dall’Alto Rappresentante, come precondizione necessaria.

foto Denis Lomme Copyright: © European Union 2022 – Source : EP