Il Cagliari ritrova la continuità: 2 a 1 contro il Genoa.

Contro il Genoa di Gilardino arriva un’altra vittoria dei rossoblù. Dopo le grandi prestazioni contro Frosinone e Udinese, all’Unipol Domus il Cagliari inanella il quarto risultato utile consecutivo con un 2-1 vibrante maturato nella ripresa contro i liguri.

Partita esplosa nella seconda frazione di gioco, con un primo tempo, tolto il brivido al 36′ con la traversa di Vasquez e un gol annullato a Luvumbo al 40′ non ha regalato grandi spunti.

Con l’ingresso di Viola per Mancosu, il Cagliari cambia l’inerzia di gioco. E’ proprio del calabrese il primo sigillo dell’incontro: al 48′ Nicolas non perdona: inserimento, volata e mancino vincente. Vantaggio, però, che dura giusto il tempo di due minuti. Al 50′ Gudmunsson punisce i sardi siglando la rete dell’1-1.

LEGGI ANCHE:  Un gol di Kolind-Jorgensen ai supplementari spezza il sogno della Primavera di Agostini.

Dopo circa 20 minuti, al 69′ arriva il gol del vantaggio con Zappa, servito da Petagna, ritrovato “uomo assist”.

Nel finale, all’88’ Azzi in contropiede sfiora il 3-1, calciando fuori di poco all’altezza del primo palo dopo una bella volata. Nell’extra time, al 92′ ,Scuffet salva sulla conclusione di Puscas, respingendo di piede.

“Commettiamo ancora troppe ingenuità – ha dichiarato nel post partita Claudio Ranieri -. Le gare si sviluppano in tanti modi e devi riuscire a interpretarle nel modo giusto, nella prima frazione è stata dura, il Genoa ha grande qualità in mezzo e non era semplice, poi siamo incappati in un bel gol, non ci siamo mai persi d’animo e ci siamo presi 3 punti pesanti perché saremo sempre a bagnomaria e bisogna lottare”.

LEGGI ANCHE:  A Sassari la nona edizione del Fight Club Championship.

“Fino a una settimana fa non segnavamo nemmeno con le mani – prosegue il tecnico romano -. In una settimana cosa è cambiato? Che quando le cose vanno male puoi arrenderti oppure lottare per uscirne fuori, noi l’abbiamo fatto e i ragazzi mi danno sempre risposte importanti, dico sempre ai miei due loro devono motivare me, darmi segnali, stanno rendendomi la vita difficile perché tutti meriterebbero di giocare, è un orgoglio vedere certe facce e il dato sugli 8 gol dalla panchina negli ultimi 9 realizzati ci ripaga”.

Cagliari-Genoa 2-1

Cagliari (4- 3-1-2): Scuffet; Goldaniga, Hatzidiakos (46′ Zappa), Dossena, Augello; Jankto (78′ Azzi), Prati, Makoumbou; Mancosu (46′ Viola); Oristanio (64′ Petagna), Luvumbo. A disp: Radunovic, Aresti, Pereiro, Wieteska, Sulemana, Obert, Deiola, Desogus, Shomurodov, Lapadula, Pavoletti. All.: Claudio Ranieri.

LEGGI ANCHE:  Cagliari. Contro il Sassuolo un'altra prova maiuscola

Genoa (3-5-2): Martinez; De Winter, Dragusin, Vasquez; Sabelli, Frendrup, Badelj (59′ Puscas), Strootman (59′ Thorsby), Martin (66′ Haps); Malinovskyi (84′ Ekuban), Gudmundsson. A disp: Leali, Sommariva, Vogliacco, Kutlu, Matturro, Hefti, Galdames, Fini. All.: Alberto Gilardino.

Arbitro: Marco Guida (Torre Annunziata).

Marcatori: 48′ Viola (C), 51′ Gudmundsson (G), 69′ Zappa (C).

Ammoniti: Goldaniga, Petagna, Viola, Scuffet (C) Malinovskyi, Gudmundsson (G).

foto Cagliari Calcio/Valerio Spano