Giunta. Via libera al PEARS.

Via libera della Giunta regionale per le linee di indirizzo del PEARS, il Piano energetico ambientale regionale della Sardegna, ovvero lo strumento di monitoraggio dello stato del consumo energetico nell’Isola.

Nello specifico, in merito agli indirizzi strategici, oltre all’aggiornamento del piano, e alla riduzione delle emissioni di CO2 al 2030, il documento, approvato dalla giunta regionale, prevede la promozione delle fonti rinnovabili, la creazione di un sistema di approvvigionamento e di trasporto del gas naturale, del bio-metano e dei gas verdi, la realizzazione di una filiera dell’idrogeno e dei gas rinnovabili, e, infine, la valorizzazione delle nuove forme di autoconsumo.

Un provvedimento, come affermato dal Presidente Christian Solinas, per “costruire un futuro sostenibile, attraverso una politica energetica integrata e innovativa, rispettosa dell’uomo e dell’ambiente”.

LEGGI ANCHE:  Consiglio regionale, la trasparenza sul voto dei consiglieri è un optional.

Sviluppo sostenibile che passa anche per la limitazione dello sfruttamento dei combustibili fossili per l’assessora all’Industria Anita Pili: “L’abbandono del carbone rimane il nostro obiettivo. I dati del secondo rapporto di monitoraggio, pubblicato lo scorso 30 aprile sono confortanti. Era emerso, infatti, un trend positivo che registrava un progressivo calo delle emissioni di CO2, che ci porta a ritenere che l’obiettivo di abbatterle del 50% sia raggiungibile entro il 2030”.

Una rivoluzione che sarà possibile solo attraverso il coinvolgimento delle comunità energetiche locali per l’esponente della Giunta Solinas: “La vera rivoluzione arrivrà con il coinvolgimento delle cosiddette comunità energetiche locali, per rendere i territori energeticamente autonomi”.

LEGGI ANCHE:  Coronavirus. Attivo il conto corrente dedicato all'emergenza