Giovani. Il 9% dei laureati comunitari sono impegnati in mobilità all’estero.

Circa 386.900 studenti che si sono laureati nel 2021 nei paesi dell’UE hanno studiato all’estero durante il percorso di laurea per almeno 3 mesi (i cosiddetti laureati in mobilità dei crediti, iscritti all’istruzione terziaria livelli ISCED 5-8). Dato che nell’UE vi sono circa 4,3 milioni di laureati, ciò significa che il 9% dei laureati dell’UE ha partecipato a un programma di mobilità all’estero.

Nel 2021, tra i Paesi membri dell’UE, il maggior numero di laureati che hanno effettuato soggiorni di mobilità per crediti si trova in Francia, con circa 176.100, pari al 45,5% del totale. Con 68.700 (esclusi gli studi di dottorato o equivalenti), ovvero una quota del 17,8% del totale dell’UE, la Germania ha il secondo maggior numero di laureati in mobilità di crediti. Al terzo posto si colloca la Spagna, con circa 40.100 laureati in mobilità creditizia, con una quota del 10,4%. 

LEGGI ANCHE:  La "campagna" della Funzione pubblica: “Più che un posto fisso, un posto figo!”.

La destinazione principale dei laureati dell’UE che hanno studiato all’estero è stata il Regno Unito, che rappresenta il 10,7% di tutti i laureati in mobilità di credito, seguito da Spagna (9,4%) e Stati Uniti (7,5%).

In alcuni casi, altri fattori come la lingua simile, i legami culturali e storici, nonché la vicinanza geografica hanno svolto un ruolo importante. Alcuni membri dell’UE hanno attratto grandi quote di studenti da specifici paesi dell’UE. La Grecia ha di gran lunga la percentuale più alta di studenti provenienti da Cipro, il 68%. La Germania ha ricevuto il 29,9% dei laureati in mobilità di credito provenienti dal Lussemburgo, mentre la Repubblica Ceca ha ospitato il 27% degli studenti provenienti dalla Slovacchia.

LEGGI ANCHE:  Putin al Valdai International: "Occidente nega sovranità dei popoli".

Esaminando le tre principali destinazioni per ciascun paese dell’UE, Spagna e Germania sono state le destinazioni più comuni. Tra i Paesi extra-UE, il Regno Unito, gli Stati Uniti e l’Australia sono stati gli unici paesi a comparire tra le prime tre destinazioni per i laureati in mobilità creditizia provenienti da qualsiasi membro dell’UE.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata