Nuove regole per il credito al consumo in UE.

Da questa domenica, 19 novembre,  entreranno in vigore le nuove norme Ue sul credito al consumo a tutela dei consumatori. D’ora in poi, i consumatori che finanziano i propri progetti e beni attraverso i crediti saranno più consapevoli dei costi che devono affrontare e maggiormente protetti dai rischi delle nuove forme di credito offerte online, come i programmi Acquista ora. Non importa se i consumatori noleggiano un’auto, finanziano gli acquisti online, le vacanze o progetti relativi a lavori di ristrutturazione della casa, con la nuova legislazione, spiegano dalla Commissione Ue, sarà meno probabile che finiscano per indebitarsi eccessivamente. 

“I crediti al consumo possono aiutare molti clienti a permettersi tutti i tipi di beni e progetti – ha dichiarato la Vicepresidente per i Valori e la Trasparenza, Vera  Jourová -. Tuttavia, se i costi del credito sono eccessivi, le sue condizioni poco chiare o le sue conseguenze non valutate attentamente, il credito diventa un rischio. Con l’entrata in vigore delle norme oggi, rendiamo più semplice per i consumatori evitare tali rischi e mantenersi al sicuro”.  

LEGGI ANCHE:  Dai test sui capelli che rilevano cocaina un metodo per valutare nuove terapie di contrasto alla dipendenza.

Un tema sempre più attuale alla luce della crescente digitalizzazione delle forme di pagamento: “La tecologia – aggiunge il Commissario alla Giustizia, Didier  Reynders – ha cambiato profondamente il settore dei prestiti. Le nuove regole aprono la strada al futuro e affrontano sfide importanti, come le nuove modalità di divulgazione digitale delle informazioni e di valutazione dell’affidabilità creditizia dei consumatori, e garantiscono che le soluzioni di credito rapido che fioriscono online offrano la stessa protezione delle forme di credito tradizionali”.

Adesso, gli Stati membri dovranno recepire la Direttiva nel diritto nazionale entro il 20 novembre 2025.

foto Copyright European Parlaiment source EP 2021, foto Philippe Buissin

LEGGI ANCHE:  Scuole a Cagliari. Chiude anche la "Mameli" in via Bligny.