Giovani: 100 mila euro per i progetti sulla cittadinanza europea.

Al via dal primo settembre il bando per i progetti per la promozione della cittadinanza europea verso i giovani. A confermarlo l’assessora regionale al Lavoro della Regione Friuli Venezia-Giulia, Alessia Rosolen. “Uscirà il primo settembre l’avviso per la concessione dei contributi destinati a progetti volti a favorire la promozione e la consapevolezza della cittadinanza europea e della storia dell’integrazione europea promossi attraverso iniziative didattiche e formative rivolte ai giovani con un’età compresa tra i 14 e i 35 anni. L’Amministrazione regionale, per l’anno 2023, ha stanziato per queste iniziative la somma di 100 mila euro”.

Una iniziativa che punta a fare crescere nelle giovani generazioni la consapevolezza della cittadinanza europea. “I progetti che saranno finanziati – prosegue l’esponente della Giunta Fedriga – sono infatti finalizzati a diffondere la conoscenza della storia dell’integrazione europea, dei diritti e dei doveri derivanti dalla cittadinanza europea, oltre che delle opportunità che
vengono offerte dai programmi dell’Ue”.

LEGGI ANCHE:  Ucraina, Alessia Rosolen: "Friuli pronto ad accogliere studenti e docenti".

I contributi, fino a un massimo di 10 mila euro per ciascuna delle proposte, sono destinati a progetti che accrescano il senso della cittadinanza europea e che facilitino la conoscenza delle opportunità offerte dai diversi programmi targati Ue rivolti ai giovani.

I progetti dovranno avere una durata massima di dodici mesi dal giorno successivo alla presentazione della stessa richiesta. I contributi saranno concessi attraverso la modalità di procedimento a sportello.

Potranno presentare istanza i soggetti privati non aventi scopo di lucro, il cui legale rappresentante sia un giovane di età
massima 36 anni (non compiuti alla data del 12 agosto 2023), che possano documentare di avere svolto attività rivolte ai giovani nell’ultimo triennio.

LEGGI ANCHE:  Lavoro e politiche giovanili: “EMPLOY, il programma di mentoring per giovani svantaggiati”.