Giornata mondiale della libertà di stampa, Luciana Lamorgese: “Fondamentale per la nostra vita democratica”.

“Tutelare la libertà di stampa è fondamentale per la nostra vita democratica. Quando viene violata a farne le spese sono non solo i giornalisti ma tutti i cittadini a cui deve essere sempre garantita una adeguata e corretta informazione”, ha dichiarato oggi la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, in occasione della celebrazione della Giornata mondiale della libertà di stampa indetta dall’ONU.

La titolare del Viminale ha richiamato nel suo intervento l’impegno comune del ministero dell’Interno per contrastare gli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti: “Il prossimo 5 maggio – ha annunciato la titolare del Viminale – presiederò una riunione del “Centro di Coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti” appositamente dedicata all’esame del report 2021 e dei dati disponibili per il primo trimestre del 2022. L’incontro sarà l’occasione per proseguire quel confronto continuo e costante con i rappresentanti del Consiglio nazionale dell’ordine dei giornalisti e della Federazione nazionale della stampa italiana avviato dal mio insediamento e finalizzato ad individuare insieme tutte le iniziative utili a prevenire e contrastare un fenomeno inaccettabile, che oggi trova terreno particolarmente fertile sui canali social”.

LEGGI ANCHE:  Commissione Lavoro e Attività produttive: allo studio un nuovo provvedimento per i ristori alle imprese.

Nel primo trimestre del 2022, secondo fonti del Viminale, sono stati censiti 44 episodi, a fronte dei 63 registrati nell’analogo periodo del 2021. Il 27% delle intimidazioni è stato effettuato via web, nella maggior parte tramite i social network.