Formazione per i giovani: 3 milioni da Fondazione CDP e ‘Con i Bambini’.

Investire sulle nuove generazioni e colmare il divario digitale tra Nord e Sud. Due obiettivi alla base del bando “Strumenti per crescere” sostenuto con 3 milioni di euro da Fondazione CDP e dall’impresa sociale Con i Bambini. Una emergenza sulla quale bisogna intervenire con interventi d’urto, come ricordato dagli ultimi dati Istat, secondo i quali tra gli iscritti al secondo anno delle scuole superiori di secondo grado nell’anno scolastico 2018-19, il 30 per cento non ha raggiunto un livello sufficiente nelle competenze alfabetiche.

Il bando, ricordano i promotori, intende sostenere i progetti realizzati nei comuni non capoluogo di provincia di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia, con una maggiore attenzione alle fasce più vulnerabili dal punto di vista economico, sociale e culturale. Nello specifico, le iniziative previste avranno l’obiettivo di sviluppare le competenze dei giovani di età compresa tra gli 11 e i 17 anni in ambito digitale e nelle discipline STEAM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Arti e Matematica).

LEGGI ANCHE:  Il Presidente Pais alle celebrazioni della giornata dell’Unità nazionale e delle Forze armate

Prevista anche la possibilità di proporre attività per sensibilizzare i giovani sui valori della legalità, della sostenibilità e della cittadinanza attiva. I progetti dovranno essere presentati da partnership formate da almeno una scuola e due enti del terzo settore e potranno coinvolgere anche università, enti privati e pubblici. Ogni proposta dovrà avere una durata minima di 36 mesi e massima di 48 e potrà ricevere un contributo dai 200.000 fino ai 500.000 euro.

“Di fronte alle molteplici sfide del presente – ha dichiarato Giovanni Gorno Tempini, presidente della Fondazione CDP -, temi come la formazione, l’innovazione tecnologica e l’inclusione sociale sono di importanza cruciale per l’Italia”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata

LEGGI ANCHE:  Elezioni comunali di Oristano. I programmi elettorali 'poco disruptive' per le politiche giovanili.