Bande giovanili: 45 giovani coinvolti nell’operazione “Streetbullying”. Anche un trapper.

La Polizia di Stato ha eseguito questa mattina una vasta attività di contrasto alle bande giovanili, con provvedimenti di natura penale e amministrativa, a carico di giovanissimi responsabili di condotte criminali che hanno destato grande allarme sociale.

L’aìttività info-investigativa ha permesso di far luce su gruppi di giovani, minorenni e appena maggiorenni, che cercavano di strutturarsi in vere e proprie bande organizzate per il predominio sul territorio, che sono stati individuati e messi in condizione di non   proseguire le loro attività criminose.

E’ stata in particolare ricostruita la presenza di un predominante gruppo giovanile operante nel centro di Piacenza, in particolare nella zona Pubblico Passeggio, piazzale Genova, Corso Vittorio Emanuele, via Negri e via IV Novembre.

Sono stati eseguiti sia provvedimenti di perquisizione che inviti a rendere interrogatorio emessi dalla Procura della Repubblica di Piacenza e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna, sia misure di prevenzione emesse dal Questore di Piacenza. Sono complessivamente 45 i giovani interessati dai provvedimenti: si tratta di ragazzi maggiorenni e minorenni, sia italiani che stranieri.

LEGGI ANCHE:  Carla Cuccu (M5S): "No alle scorie nucleari in Sardegna".

L’attività, iniziata dalla Squadra Volanti e proseguita con la Squadra Mobile, ha colpito numerosi giovani, tutti in relazione tra loro, resisi autori nel corso degli ultimi mesi di svariati allarmanti episodi.

In particolare, nel mese di novembre nel centro cittadino si sono registrate diverse risse ed aggressioni tra bande di giovani, che gli investigatori della Questura hanno ricondotto al tentativo di affermarsi sul centro cittadino da parte di un particolare gruppo di ragazzi, legati dalla comune appartenenza ad una specifica sottocultura particolarmente in voga nell’ultimo periodo (ragazzi che condividono e ostentano atteggiamenti da strada, particolari gruppi musicali, capi d’abbigliamento appariscenti ed un linguaggio spesso volgare) con scontri anche violenti con altri soggetti, con cui ingaggiavano liti apparentemente per futili motivi.

Anche un commerciante del centro è stato aggredito dal gruppo per aver loro rifiutato il libero accesso nel suo locale ai membri del gruppo, riportando lesioni.

LEGGI ANCHE:  Insediato il Tavolo interministeriale per la Strategia nazionale sulle dipendenze. Fabiana Dadone: "Passo avanti".

In occasione di un’altra rissa, gli arredi esterni di un altro locale, sedie e panche, erano stati utilizzati quali arme improprie e scagliati contro gli avversari.

I soggetti si sentivano di fatto impunibili per le loro azioni, visto il clima di terrore creato tra i coetanei; a riprova, uno dei principali indagati, appreso che poteva esserci un’indagine a suo carico a seguito di un’aggressione, si presentava spavaldo in Questura pretendendo di avere informazioni in materia.

Per le mani dei giovani girava sostanza stupefacente destinata sia al consumo personale che allo spaccio, ed armi quali coltelli e tirapugni di cui potersi avvalere durante gli scontri. Tra le sostanze sequestrate anche cocaina e hashish.

Attraverso mirati servizi di controllo del territorio e l’analisi dei sistemi di videosorveglianza, sono stati identificati e denunciati a vario titolo per i reati di rapina, rissa, lesioni, porto abusivo di armi, spaccio ed estorsione, complessivamente 19 ragazzi, di cui 6 minorenni.

Nella mattinata di oggi sono state svolte perquisizioni locali a carico dei soggetti ritenuti al centro delle attività criminali, alla ricerca di droga, armi nonché dei telefonini cellulari per il prosegui delle indagini.

LEGGI ANCHE:  Vìola il coprifuoco. In carcere una 28enne.

Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di estendere l’attività di contrasto e di individuare complessivamente 45 giovani, tutti tra loro legati e già gravati da precedenti per reati analoghi commessi nel corso dell’ultimo anno. A loro carico sono in corso le notifiche di misure di prevenzione emesse dal Questore di Piacenza su istruttoria della Divisione Anticrimine. In particolare, è stata data ampia applicazione alla misura del cosiddetto Daspo Willy, al fine di proibire loro di frequentare il centro storico, teatro dei gravi episodi. Eventuali violazioni del divieto comporteranno denunce all’Autorità Giudiziaria ed il possibile inasprimento della misura di prevenzione.

E’ stato colpito da misura di prevenzione anche il leader di un emergente gruppo musicale trap piacentino, denunciato a seguito di indagini svolte lo scorso anno dalla Squadra Mobile, assieme ad altri tre ragazzi ed indagato per spaccio di droga e contrabbando di sigarette elettroniche.