Venerdì la presentazione a Cagliari de “Il riparatore di libri”, l’opera dello scrittore Giorgio Mameli.

Venerdì 13 maggio alle ore 17.30, nel Centro Servizi di via Baronia 15/A a Cagliari, moderato dal giornalista Roberto Copparoni, si terrà l’incontro pubblico con lo scrittore Giorgio Mameli che parlerà del suo ultimo lavoro “Il riparatore di libri”, edito dalla A&B Editrice.

L’opera è un romanzo breve che si sviluppa intorno a una considerazione: basta una manciata di secondi per dire di un’esistenza e vedere scorrere gli episodi più significativi; dai più belli, ai più brutti, ai più esaltanti o più umilianti. In tal senso la vita si rivela, come un libro, la somma di tanti sedicesimi, il formato tipografico dei volumi.

Con una differenza importante. Gli strappi, le lacune e le sfilacciature di un volume posso essere riparati. Gli strappi, le lacune e le sfilacciature della vita no. Stanno li dove si trovano, immobili. Solo il senso e l’interpretazione dei quello che è stato e ha determinato il presente può essere cambiato. E questo può farlo soltanto il riparatore.

LEGGI ANCHE:  Cammino 100 torri. Riflessione sul 'turismo lento'

Giorgio Mameli, sardo nato a Milano, nipote del celebre Tenente Mario Mameli a cui è intitolato l’aeroporto di Cagliari, ha all’attivo svariate pubblicazioni fra cui “Mia madre mi ha abortito quando avevo 56 anni” (2018) e “Io sono Bianca” (2019)”. Per diversi anni, inoltre, si è occupato di associazionismo e comunicazione pubblicitaria. Attualmente collabora con quotidiani e radio. Fra le sua passioni la letteratura, la filosofia, il Jazz, il sax tenore e l’equitazione.

Foto credit A&B Editrice – Gruppo Editoriale Bonanno