Si scrive ancora in Sardegna? Ne abbiamo parlato con l’autrice ed editrice Carmen Salis.

Si scrive ancora in Sardegna? Chi sono che le persone che, spesso “segretamente”, praticano l’arte della letteratura e della poesia? Quali i generi maggiormente in voga? Ne abbiamo parlato con Carmen Salis, autrice, insegnante di scrittura e presidente di Amicolibro, associazione e casa editrice che dedica una particolare attenzione a scrittori esordienti o emergenti.   

Carmen, da editrice hai uno sguardo privilegiato su scrittori esordienti e aspiranti.Si scrive ancora in Sardegna?

Si dice che ci siano più persone che scrivono di quelle che leggono. Non lo so se è poi vero. Vero comunque è che raccontare e scrivere è un diritto di chiunque.

Certo, poi scrivere non significa necessariamente pubblicare, e quindi avere un posto nel panorama editoriale, ma credo che ci siano tanti scrittori validi che potrebbero farlo. Arrivare non è facile, comunque non basta avere le storie e saperle raccontare. In Sardegna si scrive, e il bello è che si scrive, anche, della Sardegna.

LEGGI ANCHE:  Time in Jazz: ad agosto arrivano i Farafina.

Quali sono i temi ricorrenti?

I temi sono vari: dal noir al romanzo d’amore, a quello di formazione, al giallo, alla poesia, al fantasy e al saggio.

Qual è, se esiste, il ritratto dell’aspirante scrittore che si propone a te?

Dipende da quali esperienze ha avuto e da quanto conosce questo mondo. C’è lo scrittore che ha un sogno nel cassetto e si affida completamente all’editore che può realizzarlo. Chi conosce bene il percorso del manoscritto e collabora non investendo troppo in aspettative.

C’è chi è convinto di aver scritto qualcosa di straordinario e quindi pensa di fare il botto; poi c’è chi crede che l’editore voglia imbrogliarlo e quelli che pensano che il libro non debba subire nessun tipo di correzione.

LEGGI ANCHE:  Racconti e tradizioni per l'inclusione sociale. Il progetto R.E.T.I.

Qual è il genere letterario prevalente negli scrittori esordienti?

Non ce n’è uno in particolare. Oggi la voglia di scrivere alimenta scuole di scrittura, laboratori, masterclass e quant’altro. Questo a volte aiuta a indirizzare chi vuole scrivere nel proprio cammino, seguendo il talento, altre invece verso quello che il mercato editoriale richiede. Ovvero cosa venderebbe di più. Perché, purtroppo, diciamolo, il libro è un prodotto commerciale.

Possiamo affermare che il cinema abbia presto il posto della letteratura nella formazione degli scrittori?

No. Io non lo penso.

Esiste nella scena culturale cagliaritana una tendenza all’autoreferenzialità e alla creazione di micro “cerchi magici” ?

Assolutamente sì. Come nel resto del mondo e come in ogni campo artistico.

LEGGI ANCHE:  'Let me take you down Cause I'm going to Strawberry Fields'. 40 anni fa moriva John Lennon.

Potrebbe mai nascere a Cagliari un nuovo Tomasi di Lampedusa? 

Magari è già nato e ancora nessuno se n’è accorto.